lunedì 25 giugno 2012

La morte delle banche – ed il futuro del denaro






di Detlev Schlichter


Il Cancelliere Inglese George Osborne ed il Governatore della Banca d'Inghilterra Mervin King hanno annunciato la settimana scorsa un altro round di misure di stimolo fiscale e monetario, comprese misure per facilitare il finanziamento delle banche e consentire loro di estendere più prestiti.

Se con queste misure si sperava di infondere fiducia, esse devono essere classificate come un fallimento. Abbiamo finora vissuto diversi anni con politiche monetarie espansionistiche persistenti e senza precedenti, e giri occasionali di QE, e dubito che ancora un'altra dose della stessa medicina causerà grande eccitazione. Inoltre, gli osservatori devono essere piuttosto confusi su quali sono i nostri problemi più urgenti. Non abbiamo avuto una vera crisi bancaria nel Regno Unito nel 2008 perché le banche erano troppo estese e in disperato bisogno di risanamento dei bilanci? Non è urgente ed inevitabile un periodo di sdebitamento e di ricostruzione dei coefficienti patrimoniali? Non dimentichiamo che il governo è ancora un proprietario di maggioranza di RBS e detiene una larga fetta di Lloyds-TSB. Se le banche sono ancora tenute artificialmente in vita grazie ai contribuenti ed alla banca centrale, è saggio spronarle ad espandere di nuovo i propri bilanci e creare più credito per "stimolare" la crescita?

La stessa confusione esiste in materia di politica fiscale. La crisi della Grecia non è un duro avvertimento a tutti gli altri mutuatari sovrani là fuori, che sono ugualmente e senza eccezioni su un pendio scivoloso verso l'Armageddon fiscale, che è giunto il momento di una drastica riduzione della spesa e di una fondamentale riforma fiscale? Se la Banca d'Inghilterra o il governo si assumono il rischio di credito nelle ultime misure aggiuntive, allora il contribuente è in una situazione difficile.

Niente di tutto questo infonderà fiducia, non nell'economia e non nelle banche, e certamente non nella politica. Il quotidiano Britannico "The Independent" titolava: "King preme il pulsante del panico," cosa che io considero una descrizione piuttosto appropriata.



Le banche sono dinosauri parastatali

Una cosa è ormai chiara anche all'osservatore più distratto: le banche non sono imprese capitalistiche. Nella loro attuale incarnazione hanno poco a che fare con il libero mercato e non c'è posto per questo. Oscillano costantemente tra due posizioni: Un momento sono un protettorato dello stato in disperato bisogno di sostegno da parte della stampa dello stato o dei fondi dei contribuenti illimitati, dove, in assenza di tale sostegno, ci troveremmo presumibilmente di fronte alla temuta ricaduta sociale di un totale collasso finanziario; un momento dopo sono un comodo strumento per la politica dello stato, affinché quest'ultimo venga alimentato con riserve bancarie ampie e con bassi tassi di interesse per creare ancora più credito a buon mercato e favorire la fabbricazione di una certa crescita artificiale. O le banche sono le regine permanenti del sistema monetario fiat, o sono leve convenienti per i pianificatori centrali macro-economici. In ogni caso, le imprese capitalistiche hanno un aspetto diverso.

Le banche centrali e le moderne banche a denaro fiat sono semplicemente una macchia sul sistema capitalista. Affinché il capitalismo operi agevolmente devono, in ultima analisi, essere rimosse. Credo che la logica di fondo del capitalismo funzionerà in questa direzione. Personalmente, credo che il tentativo di "riformare" il sistema attuale è uno spreco di tempo e di energia. E' particolarmente disdicevole per i libertari poiché corrono il rischio di essere infettati con i ceppi dello statalismo che corrono attraverso il sistema. Sostituiamo questo sistema con qualcosa di meglio. Con un sistema monetario basato sul mercato.

Quando e come esattamente il sistema attuale finirà, nessuno può dirlo. Credo che siamo nell'inning finale. In tutto il mondo, tutte le principali banche centrali hanno ora fissato i tassi di interesse a zero o vicino allo zero ed utilizzano i propri bilanci in un disperato tentativo di evitare che i loro sistemi bancari fortemente indebitati si contraggano o collassino potenzialmente. Se pensate che tutto questo è solo temporaneo e che passerà senza intoppi quando l'economia finalmente si "riprenderà", allora siete probabilmente sotto farmaci, o avete dato ascolto per troppo tempo agli economisti mainstream che sono, nella maggior parte dei casi, felici di operare come apologeti del sistema attuale.

Credo ancora nella possibilità che, ad un certo punto, qualcuno spingerà l'acceleratore monetario a tavoletta; l'ultimo QE che spingerà il sistema giù dal burrone. Questo sarà il momento in cui i banchieri centrali scopriranno – e lo scopriranno nel modo più difficile – che la loro capacità di stampare denaro fiat può anche essere illimitata, ma che la fiducia della popolazione in questa moneta fiat non lo è di certo. L'intero sistema salterà in aria come una palla di fuoco iperinflazionata, il che è stata la fine della maggior parte degli esperimenti precedenti con sistemi a denaro fiat totali, tutti gli altri si sono conclusi con un ritorno volontario alla moneta-merce prima che la popolazione perdesse la totale fiducia nel sistema. E la prospettiva di un ritorno volontario ed ufficiale ad un gold standard sembra minima al momento. Tuttavia, questo non è l'argomento di questo saggio.



Il futuro del denaro

Spesso mi viene chiesto, che cosa verrà dopo dopo che il sistema attuale sarà crollato? Dovremo tornare al baratto? – No. Ovviamente, una moderna economia capitalistica ha bisogno di un sistema monetario funzionante. La mia speranza è che dalle ceneri del sistema attuale sorga un nuovo sistema monetario che sia interamente privato e non gestito dagli stati – e che non abbia la diabolica alleanza stato-banca al suo interno, un'alleanza che esiste in opposizione a tutto ciò che il libero mercato rappresenta. Nessuno può dire di preciso a che cosa assomiglierà questo nuovo sistema. La sua forma e caratteristiche saranno alla fine decisi dal mercato. In questo campo, come in altri, ci sono pochi limiti alla capacità inventiva ed all'ingegno umano. Ma possiamo già porre alcuni punti concettuali su un tale sistema, e dovremmo contemplare la perfezione di tale sistema ora, mentre il vecchio sistema è in agonia.



Un gold "standard" privato ...

I sistemi monetari di libero mercato, in cui l'offerta di moneta è fuori dal controllo politico, è probabile che siano sistemi in cui il denaro è proprio una merce di quantità limitata e piuttosto anelastica. Sembra improbabile che un mercato completamente libero concederebbe a qualsiasi soggetto privato il diritto di produrre denaro (cartaceo o elettronico) secondo volontà e senza limiti. Il sistema attuale è insolito in questo senso e non è chiaramente una soluzione di libero mercato. Non è nemmeno sostenibile.

I candidati più ovvi sono l'oro e l'argento, che hanno operato come denaro per migliaia di anni. Potremmo immaginare un moderno sistema al cui centro ci sono aziende private che offrono l'immagazzinamento di oro ed argento, probabilmente in una varietà di giurisdizioni (Zurigo, Londra, Hong Kong, Vancouver). Intorno a questo nucleo di metallo monetario immagazzinato, un sistema finanziario è costruito affinché utilizzi le ultime tecnologie di informazione e di pagamento per facilitare i trasferimenti di proprietà in questa base monetaria in modo facile, sicuro e conveniente tra chi sceglie di partecipare a questo sistema (Sì, ci sarebbero carte di credito, bonifici e pagamenti internet o con telefonia mobile. Non ci sarebbero, tuttavia, riunioni del FOMC, nessun governatore della Banca d'Inghilterra che scrive lettere al Cancelliere, e nessuna politica monetaria!).

Queste compagnie che immagazzinano oro e argento sono imprese bancarie? — Beh, potrebbero diventare banche. In realtà, questo è come è iniziato il nostro sistema bancario attuale. Ma ci sono differenze importanti su cui dirò un paio di cose dopo. In ogni caso questo sarebbe denaro sonante, internazionale, privato ed apolitico. Sarebbe denaro capitalista.



... O Bitcoin

Un'altra soluzione potrebbe essere private denaro virtuale, come ad esempio Bitcoin.

Bitcoin è denaro immateriale, soldi su internet. Si tratta di un software.

Bitcoin può essere pensato come una merce crittografata. I singoli Bitcoin possono essere creati attraverso un processo che si chiama "mining". Coinvolge una certa potenza di calcolo, ed il complesso algoritmo al centro di Bitcoin rende la creazione di ulteriori Bitcon più difficile (e più costosa) più Bitcoin ci sono già in esistenza. L'offerta complessiva di Bitcoin è limitata a 21 milioni di unità. Di nuovo, ciò è fissato dall'algoritmo, che non può essere alterato.

Così, la creazione di denaro Bitcoin è interamente privata, ma non gratuita e non è illimitata. La maggior parte delle persone, naturalmente, non "minerà" mai i Bitcoin, così come sotto il gold standard la maggior parte delle persone non minava l'oro. La gente acquisirà Bitcoin attraverso il commercio, attraverso lo scambio di beni e servizi per Bitcoin, quindi utilizzando i Bitcoin per le altre transazioni.

Bitcoin è una moneta forte. La sua offerta è anelastica, e non sotto il controllo di un organismo emittente. E' "denaro" veramente capitalista ed internazionale – ovviamente ciò presuppone che la popolazione sia disposta ad usarlo come moneta.

Ci sono naturalmente una serie di domande che circondano Bitcoin che non possono essere trattate in questo saggio: E' sicuro? L'algoritmo può essere modificato o danneggiato ed i Bitcoin, quindi, essere contraffatti? I "wallet" virtuali in cui sono archiviati i Bitcoin sono sicuri? – Queste sono domande per un esperto di sicurezza informatica o un crittografo, ed io non sono nessuno dei due. La mia tesi è concettuale. Il mio obiettivo non è quello di analizzare Bitcoin in quanto tale ma di ragionare sulle conseguenze di una moneta merce virtuale, che ritengo fattibile in linea di principio, e suppongo semplicemente – per amore della discussione – che Bitcoin è già la soluzione. Se questo sia vero, non lo posso dire. Lo deve decidere – ancora una volta – il mercato.

Però c'è una domanda per l'economista: Bitcoin potrebbe essere ampiamente accettato come moneta? Ciò non contraddirebbe il teorema della regressione di Mises, in cui si afferma che nessuna forma di denaro può nascere come un mezzo di scambio pronto; che qualunque sia la sostanza monetaria (o non-sostanza), deve avere avuto un qualche altro uso come merce prima del suo primo utilizzo come moneta. Il mio contro-argomento qui è il seguente: l'analogia è la banconota, che è nata non come una merce ma come uno strumento di pagamento, vale a dire, un credito nei confronti del proprio denaro che era l'oro o l'argento, all'epoca. Le banconote vennero inizialmente utilizzate come un modo più conveniente per trasferire la proprietà in oro o argento. Una volta che le banconote iniziarono a circolare ampiamente e vennero generalmente accettate come mezzi di scambio nel commercio, la copertura dell'oro potè essere eliminata e le banconote ancora continuarono a circolare come moneta. Erano diventate denaro.

Allo stesso modo, Bitcoin può essere pensato, inizialmente, come una tecnologia di pagamento, come un dispositivo comodo ed economico per trasferire la proprietà in denaro cartaceo dello stato. (I Bitcoin possono al momento essere scambiati per la cartamoneta a vari cambi.) Ma poiché l'offerta di Bitcoin è limitata mentre l'offerta di moneta cartacea dello stato si espande costantemente, il valore di cambio dei Bitcoin è destinato a salire. E ad un certo punto, i Bitcoin potrebbero iniziare ad essere commerciati come moneta.

Un sistema monetario costruito su denaro forte, internazionale ed apolitico, sia in forma di un sistema aureo privato sia in forma di Bitcoin, sarebbe un vero e proprio sistema capitalista, un sistema che facilita lo scambio libero e volontario tra soggetti privati e le imprese all'interno e attraverso le frontiere, un sistema che è stabile e fuori dal controllo politico. Ci sarebbero molti vantaggi per l'utente del denaro ma ci sarebbe un ruolo piccolo per le attuali banche, il che mostra in che misura le banche sono diventate una creatura dell'attuale sistema monetario fiat dello stato e di tutte le sue incongruenze.



Le banche traggono profitto dalla creazione di moneta

Le banche operano a riserva frazionaria bancaria (FRB), il che significa che prendono i depositi che dovrebbero essere sicuri e liquidi, e quindi pagano quel poco di interesse ai depositanti, e li usano per finanziare i prestiti che sono illiquidi e rischiosi, e quindi pagano alla banca un interesse elevato. Attraverso il processo della riserva frazionaria, le banche ampliano l'offerta di moneta nell'economia; diventano produttrici di denaro, il che è, ovviamente, redditizio. Molti economisti mainstream accolgono la FRB come un modo per espandere la moneta ed il credito e "stimolare" l'ulteriore crescita, ma come hanno argomentato in modo convincente la Scuola Valutaria in Gran Bretagna nel XIX secolo ed in particolare la Scuola Austriaca sotto Mises e Hayek nel XX secolo (e come spiego io in dettaglio su Paper Money Collapse – The Folly of Elastic Money and the Coming Monetary) questo processo non solo è rischioso per le banche individuali, è destabilizzante per l'economia nel suo complesso. Deve provocare cicli di boom-bust.

Non si può escludere che le banche potrebbero operare a FRB anche in un sistema aureo privato o con Bitcoin. Tuttavia, in assenza di un supporto mediante una banca centrale che funziona come prestatore di ultima istanza la FRB sarebbe molto limitata, in effetti. Sarebbe troppo pericoloso per le banche abbassare i loro coefficienti di riserva (almeno a livelli piuttosto bassi) poiché ciò aumenterebbe il rischio di una corsa agli sportelli bancari.

A volte mi hanno detto che sono troppo critico nei confronti delle banche centrali e dello stato, e che dovrei dirigere la mia ira verso le banche "private" ed "avide", perché sono le banche "private" che creano tutti i soldi attraverso la FRB. Certo. Ma la FRB è solo possibile sulla scala in cui è stato condotta negli ultimi decenni perché le banche sono supportate – ed anche attivamente incoraggiate – nelle loro attività a FRB da una banca centrale che funge da prestatore di ultima istanza, in particolare dato il fatto che la banca centrale ha oggi il pieno ed illimitato controllo sulle riserve di denaro fiat della banca. In un sistema di denaro forte (oro o Bitcoin), anche se le banche stesse hanno avviato la loro banca centrale che funge da prestatore di ultima istanza, tale entità non potrebbe creare maggiori riserve auree o riserve di Bitcoin e quindi fornire supporto illimitato alle banche.

La FRB è particolarmente improbabile che si sviluppi in un'economia Bitcoin, in quanto non vi è alcuna necessità di un deposito, di servizi per la custodia e per il deposito, e di tutti i servizi che comportano il trasferimento delle materie prime del sistema monetario (siano esse oro o biglietti cartacei statali) in altre forme più convenienti di mezzi di scambio, come il denaro elettronico in grado di facilitare le transazioni a grandi distanze. Il proprietario dei Bitcoin ha un account che sia simile al suo account di posta elettronica. Egli lo gestisce da se ed immagazzina i suoi stessi Bitcoin. E Bitcoin è denaro che è già pronto all'utilizzo per qualsiasi operazione, in qualsiasi parte del mondo, semplicemente via internet. La banca come intermediario può essere bypassata. L'utente Bitcoin assume il controllo diretto del suo denaro. Può accedere ai propri Bitcoin ovunque, semplicemente tramite la carta SIM nel suo smartphone.

L'enorme crescita della FRB è stata resa possibile dalla difficoltà di trasferire in modo sicuro su lunghe distanze l'oro fisico o i biglietti cartacei fisici. Questo ha creato un potente incentivo a mettere il denaro fisico nelle banche, e una volta il denaro fisico era nelle banche diventava "riserve" da utilizzare per la creazione di ulteriori asset monetari.

La canalizzazione dei risparmi verso gli investimenti reali è molto importante, ma ricordate che la FRB è qualcosa di completamente diverso. Essa prevede la creazione di moneta e di credito senza alcun risparmio reale e volontario a sostenerli. La FRB non solo è inutile, è destabilizzante per l'economia nel suo complesso. Sotto il gold standard, ha creato cicli economici. Sotto il sistema di denaro fiat illimitato e delle banche centrali che fungono da prestatori di ultima istanza, ha creato il super-ciclo, che ora è nel suo doloroso stadio finale.



Le banche fanno soldi dai sistemi di pagamento

Quando di recente ho preso accordi per un viaggio in Africa ho trattato direttamente con gli operatori turistici locali, cosa che, oggi, può essere fatta facilmente ed economicamente con l'aiuto della posta elettronica, di internet e di skype. Eppure, quando si trattava di pagare i tour operator Africani ho dovuto passare attraverso un processo che non è cambiato molto dal 1950. Non solo erano coinvolte le banche Inglesi ed Africane, ma anche le banche di corrispondenza a New York. Questo ha richiesto tempo e, naturalmente, è costato denaro in forma di costi aggiuntivi.

Immaginate avremmo potuto usare l'oro o Bitcoin! Il pagamento sarebbe stato così facile e veloce come tutte le e-mail. Non ci sarebbe stato nessun tasso di cambio, e piccole commissioni (forse nel caso dell'oro) o nessuna commissione (nel caso di Bitcoin).

Un altro esempio: L'anno scorso ho dato un webinar al Ludwig von Mises Institute (LvMI). Il LvMI si trova ad Auburn, Alabama, ho condotto il seminario da casa mia a Londra, l'addetto tecnologico del LvMI sedeva a Taiwan, ed i partecipanti al seminario si trovavano in tutto il mondo. Tutto questo è ora possibile – a buon mercato, rapido e conveniente – grazie alla tecnologia. Eppure, quando il LvMI mi ha pagato l'onorario doveva passare attraverso alcune banche – di nuovo, banche di corrispondenza a New York – c'è voluto un po' di tempo e costi aggiuntivi. E l'onorario dal LvMI è stato pagato in una valuta che non posso utilizzare direttamente nel mio paese.



Le banche fanno i soldi col nazionalismo monetario

Gli storici d'economia futuri avranno pietà di noi per aver lavorato in un mosaico globale strano ed inefficiente di valute cartacee locali – e per aver ingenuamente creduto che questo rappresentava l'apice del capitalismo moderno. Oggi, ogni governo vuole avere la propria moneta cartacea locale e la propria banca centrale locale, e gestire la propria politica monetaria (ovviamente, sulla base di monete fiat locali perfettamente elastiche). Questo è naturalmente un grande impedimento al commercio internazionale ed al libero flusso dei capitali.

Se voglio spendere i soldi che ho ottenuto dal LvMI e spenderli dove vivo (in Inghilterra), devo scambiare i dollari del LvMI per sterline. Posso farlo solo se trovo qualcuno che è disposto a prendere il lato opposto di tale operazione, qualcuno che è disposto a vendere sterline per dollari. L'esistenza di numerose monete re-introduce necessariamente un elemento di parziale baratto nel commercio basato sul denaro. Certo, il mercato fx giornaliero e multi-biliardario può fare al caso mio, ed in modo rapido ed economico, ma questo mercato è solo una soluzione di ripiego, un servizio molto sviluppato per affrontare nel miglior modo possibile le inefficienze del nazionalismo monetario. La soluzione migliore, più efficace e capitalista sarebbe quella di utilizzare lo stesso mezzo di scambio in tutto il mondo. Il gold standard era un sistema monetario molto superiore in questo senso. Passare dal gold standard internazionale ad un sistema con una moltitudine di valute cartacee gestite dallo stato significava regressione economica, non progresso.

Cento anni fa, si poteva prendere il treno da Londra a Mosca ed usare le stesse monete d'oro per tutto il percorso per il pagamento. Non c'era bisogno di cambiare i propri soldi nemmeno una volta. (Per inciso, non si aveva bisogno nemmeno di un passaporto!)

Il concetto di "economia nazionale" che ha bisogno di una "moneta nazionale" è sempre una finzione. Così anche l'idea che le economie funzionano meglio se il denaro, i tassi di interesse ed i tassi di cambio sono accuratamente manipolati dai burocrati locali. (Questa finzione è ancora diffusa da molti economisti che si guadagnano da vivere con questo sistema.) Il problema più grande con la politica monetaria è che non esiste una cosa come la politica monetaria. Ma nel mondo di oggi sempre più globalizzato, queste finzioni sono del tutto insostenibili. Il capitalismo trascende i confini, e quello di cui ha bisogno per prosperare è semplicemente denaro forte, apolitico e quindi internazionale. Denaro come strumento adatto all'interazione umana volontaria ed alla cooperazione, e non uno strumento per la politica.

Le banche traggono beneficio dall'attuale segregazione monetaria. Traggono costantemente profitto dal cambio di una moneta cartacea per un'altra e dai cambi in valuta estera. Le compagnie non finanziarie che operano a livello internazionale sono inevitabilmente costrette a speculare sui mercati valutari o a pagare per costose strategie di copertura (pagando di nuovo le banche per fornirli).



Le banche fanno i soldi con la speculazione

Non c'è, naturalmente, nulla di sbagliato con la speculazione in un libero mercato. Tuttavia, in un mercato veramente libero ci sarebbero poche possibilità di speculazione. Oggi il forte coinvolgimento dello stato nei mercati finanziari, l'esistenza di numerose monete di carta, il tutto gestito per uso domestico a fini politici, e la volatilità costante che viene generata dalla politica monetaria e fiscale creano grandi opportunità per la speculazione. Inoltre, il denaro facile che le banche centrali forniscono generosamente per sostenere la loro FRB sovra-estesa è utilizzato da molte banche per speculare negli asset finanziari, spesso anticipando la mossa successiva delle autorità monetarie con cui queste banche hanno un rapporto stretto. E in misura considerevole, le banche passano il denaro a basso costo dalle banche centrali ai clienti dei loro fondi speculativi.

Ricordate che subito dopo il crollo della Lehman, le banche d'investimento Goldman Sachs e Morgan Stanley, che in precedenza avevano evitato i depositi ed i servizi bancari al dettaglio ma erano sempre state pesantemente coinvolte nel commercio dei titoli, ottennero rapidamente le autorizzazioni bancarie al fine di beneficiare dalla rete di sicurezza che lo stato fornisce alle proprie banche.



Le banche canalizzano i risparmi negli investimenti

Sì, in qualche modo continuano a fare questo, e questa è davvero una funzione importante di intermediari finanziari. Tuttavia, gli asset manager possono fare la stessa cosa, e lo fanno senza mescolare questi servizi con la FRB e la creazione di denaro. In generale, il settore della gestione patrimoniale è molto più trasparente su come si alloca gli asset dei suoi clienti, ha una chiara responsabilità fiduciaria di questi asset, e non può usarli come "riserve". Nell'economia aurea o di Bitcoin del futuro, sarete, ovviamente, liberi di destinare alcuni dei vostri soldi ad asset manager che gesticono gli investimenti per voi.



Conclusione

Sono stato troppo duro con le banche? – Forse. I banchieri, in loro difesa, diranno che non sono la fonte di tutte queste inefficienze, che semplicemente aiutano i loro clienti ad affrontare le inefficienze di un sistema monetario progettato e politicizzato dallo stato – e che raccolgono i risultati legittimi per l'aiuto fornito. – Va bene. In una certa misura, possono avere ragione. Ma è molto chiaro che la dimensione, i modelli di business, le fonti di redditività, ed i problemi delle banche moderne sono unicamente ed intimamente legati all'attuale sistema monetario cartaceo completamente elastico. Come ho cercato di mostrare, anche se il sistema monetario cartaceo fosse stato destinato a durare – e certamente non è così – le forze del capitalismo, la ricerca costante di soluzioni migliori, più efficienti e durature, insieme al progresso tecnologico, avrebbero posto enormi pressioni del mercato sull'attuale settore bancario negli anni successivi, in ogni caso. Ma dato che il nostro sistema attuale non è il risultato delle forze di mercato tanto per cominciare, che un sistema di monete elastiche e locali non è necessario, che è sub-ottimale, inefficiente, instabile, e insostenibile, e che è già nel suo stadio finale, ho pochi dubbi sul fatto che le banche moderne faranno la fine del dodo. Saranno nei prossimi decenni ciò che le industrie del carbone e dell'acciaio sono state nei decenni dal 1960 al 1990. Sono dinosauri parastatali, unite fino al midollo con la burocrazia e la politica, gonfie e dipendenti dal denaro a basso costo e dai contributi statali. Sono mature per la mietitura.

La fine del sistema monetario cartaceo offrirà grandi opportunità ad una nuova generazione di imprenditori moentari. In questo ruolo, potrei vedere imprese di immagazzinamento d'oro, aziende tecnologiche, fornitori di servizi di pagamento con Bitcoin e società di gestione degli asset. Se alcuni di questi uniscono le forze, le opportunità saranno grandi. Il mondo è pronto per un sistema monetario alternativo, e quando l'attuale sistema collasserà sotto il peso delle sue contraddizioni, ci sarà qualcosa lì che prenderà il suo posto.

L'attuale economia a denaro fiat è matura per una certa "distruzione creativa" Schumpeteriana.

Nel frattempo, la svalutazione della cartamoneta continua.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


5 commenti:

  1. In effetti direi che è cosi.
    fornitori di oro allocato in grandi quantità, come bullionvault, goldrepublic goldmoney, fanno su per giu questo: offrono deposito per l'oro e goldmoney già credo permetta di pagare qualcuno in goldgrams...
    quindi fanno le banche, quelle vere... anche se con un certo costo (tra acquisto vendita e storage..)

    RispondiElimina
  2. Ciao Roberto.

    A quanto ne so (conoscenza altrui) questi intermediari hanno una burocrazia per le transazioni non indifferente. Per il momento (almeno secondo me) Bitcoin è il miglior mezzo di pagamento a distanza che conosca (per quanto riguarda il rapporto costi-burocrazia/benefici).

    RispondiElimina
  3. ciao,

    si beh immagino siano farraginosi, anche perchè non nati come sistema di pagamento, e anche costosi, ma intendevo dire che in effetti sono la cosa piu simile che mi venga in mente ad un deposito in banca.. quello che ho resta li, se voglio lo ritiro se no lo passo a qualcuno (alcuni di loro questo non lo permettono per ragioni di sicurezza per esempio, quindi è chiaro che non è quello lo scopo).
    bitcoin non lo conosco ma diciamo che magari funzionerà, ma tra un sistema che abbia oro e uno che abbia un algoritmo...

    RispondiElimina
  4. Su Bitcoin vorrei aggiungere un altro paio di considerazioni (legate alle domande che si ponte Schlichter nell'articolo) grazie all'aiuto di Dusty.

    Bitcoin ha compiuto da poco il suo terzo anno di età, e benchè il protocollo che lo definisce, cioè la descrizione precisa di come funziona è ormai ben definito, il software che lo implementa è ancora in una fase poco più che embrionale.
    Una fase che si potrebbe definire molto simile a quella dei primi anni di Internet, dove il suo uso era limitato principalmente agli atenei ed ai centri di ricerca, e sebbene i suoi utilizzatori ne fossero entusiasti i non addetti ai lavori avevano una grossa difficoltà non solo a capirne l'utilità pratica, ma soprattutto a coglierne l'incredibile portata rivoluzionaria a livello globale che di li a pochi anni l'avrebbe fatto diventare tanto diffuso quanto essenziale in praticamente qualunque attività pratica.

    Il funzionamento di Internet è una cosa molto complessa che mette insieme un gran numero di protocolli e tecnologie, e conoscerle nel dettaglio è appannaggio di un numero molto ridotto di persone. Ma la cosa importante è che in generale un utente non esperto non ha bisogno di conoscere tutti questi dettagli per utilizzare Internet, gli basta sapere che è in grado di fare questo e quest'altro, e che l'uso del determinato sito o programma gli permette di raggiungere un certo risultato.

    Con Bitcoin la cosa è analoga: il principio di funzionamento è complicato perchè deve risolvere tutta una serie di problematiche estremamente complesse che prima del suo avvento nessun altro sistema era stato in grado di affrontare nemmeno dal solo punto di vista teorico.

    Ma i dettagli del protocollo (accennati in questi articoli: 1, 2 ) non è necessario che siano compresi dai non addetti ai lavori, quello che invece è importante è che siano chiare le sue caratteristiche è proprietà.

    Nell'articolo che segue in particolare Schlichter si chiede:


    1) Bitcoin è sicuro?

    La risposta a questa domanda è molto complessa, e per poter rispondere è necessario dividerla in due parti, ed in particolare:
    1a) Il protocollo Bitcoin è sicuro?
    Il problema è diviso a sua volta in due parti:

    - l'impossibilità di acquisire il denaro altrui, garantita dalla crittografia a chiave pubblica ECDSA, che attualmente è ritenuto uno dei sistemi crittografici più sicuri mai inventati

    - il "double spending problem", o l'impossibilità di utilizzare due (o più) volte la stessa moneta, truffando quindi uno dei beneficiari. Questa è una possibilità molto più concreta del punto precedente e diventa possibile o crackando lo SHA2 (che si ritiene una delle funzioni hash crittografiche più sicure in assoluto), oppure radunando una capacità computazionale maggiore di tutto il resto della rete Bitcoin.
    Quest'ultima possibilità è nota come "51% attack", e non si può essere sicuri che non si possa verificare, ma il costo per poter portare un attacco di questo tipo aumenta continuamente all'aumentare del numero dei "minatori" della rete bitcoin: più passa il tempo e più cresce il numero di utilizzatori della rete e più questa difficoltà aumenta.
    Inoltre non è nemmeno molto chiaro come far sì che il beneficio di un tale attacco sia superiore all'ingente costo necessario per portarlo.

    RispondiElimina
  5. 1b) Il programma che gestisce Bitcoin?

    E' impossibile essere sicuri che un programma non abbia bug, e quasi senz'altro il programma attuale ne ha ancora qualcuno nonostante sia stato controllato e scrutato in ogni sua parte da un certo numero di esperti. La buona notizia è che più passa il tempo e più il numero di persone che ne verificano l'integrità aumenta, meno è probabile che problemi critivi non vengano scoperti per tempo.
    L'attuale programma "bitcoin-qt" è come all'inizio di Internet dove l'unico browser era Mosaic. Ma esattamente come il numero dei browser è aumentato e (notevolissimamente) migliorato nel tempo, allo stesso modo è cominciato lo sviluppo di tutta una serie di client alternativi (es: multibit, electrum, armory, etc) che facendosi concorrenza, nel tempo dovrebbe rendere più semplice e sicuro l'utilizzo agli utenti finali.


    2) Can the algorithm be changed or corrupted and Bitcoins thus be counterfeited?
    Ovvero: è possibile modificare l'algoritmo e quindi creare dei bitcoin contraffatti?


    Per la sua stessa natura non è possibile modificare l'algoritmo che regola il funzionamento della rete senza che la stragrande maggioranza degli utenti decida di farlo (più o meno) contemporaneamente. E più passa il tempo e più la base aumento, più è difficile che questo avvenga. Ogni client che non rispetta le regole infatti viene isolato e reso inoffensivo da qualunque altro, e di conseguenza la sua capacità di fare danni è prossima allo zero.
    Senza cambiare le regole è impossibile contraffare dei bitcoin perchè, per loro stessa natura, ogni bitcoin ha una genesi che deve essere verificata e nota all'intera rete, ed è possibile (nonchè necessario) verificare la correttezza di ogni transazione che viene accettata dalla rete.
    Non è quindi assolutamente possibile "introdurre" bitcoin non "ufficiali" nella rete, o cambiare in qualunque modo il numero di quelli generati.


    3) Are the virtual “wallets” in which the Bitcoins are stored safe?
    Ovverto: i portafogli che contengono i bitcoin sono sicuri?


    Questo è un problema implementativo, dipende cioè dalla tecnica che un particolare programma (il client bitcoin) decide di utilizzare. Esistono diverse possibilità, ed ognuna di esse ha dei pro e dei contro. Non è possibile analizzare del dettaglio le loro caratteristiche nello spazio di questa introduzione, ma è si può averne un'idea in questo articolo. Tra le possibilità ci sono:
    - wallet sul proprio pc (così come gestito da bitcoin-qt)
    - mobile wallet
    - online wallet
    - Brain Wallet
    - TorWallet
    e probabilmente altri che verranno inventati più in la.

    (Ringrazio nuovamente Dusty per la sua disponibilità nella spiegazione dei concetti qui esposti.)

    RispondiElimina

ShareThis