martedì 10 aprile 2012

Immigrati Illegali e Disoccupazione: Cause ed Effetti

Ancora una volta Gary North ci delizia con una sua perla di rara bellezza. Infatti, la domanda frequente che sgorga dalle lettere dei giornali e dalle bocche dei media mainstream è: perché questa disoccupazione alta? L'argomento viene frettolosamente sdoganato lasciando l'ultima parola a qualche burocrate borioso di mettere in atto la sua "ricetta" intrinsecamente fallimentare: più fisco, più spesa pubblica, più stimolo della domanda aggregata. Come credo sia chiaro, ciò che non si vede è come questo approccio sconclusionato scavalchi prepotentemente le scelte di ogni singolo individuo. Agiscono in base a delle fredde equazioni econometriche e scrutano scrupolosamente i dati cercando di tirare fuori un qualche tipo di costante. E' una via molto pericolosa per gestire un'impresa, figuriamoci un intero paese. Mises, Rorhbard e Hayek lo dissero ripetute volte: non può esistere qualcosa come una "costante" nel campo dell'azione umana.
___________________________________________________________________________________


di Gary North


Recentemente ho scritto un articolo su come la spiegazione di Ben Bernanke del tasso di disoccupazione si basa sull'economia Keynesiana. Egli accusa la mancanza di domanda aggregata. Questa era la spiegazione Keynes per tutte le forme di risorse inutilizzate, che presentò nella General Theory of Employment, Interest, and Money (1936).

Ho sostenuto, come gli economisti di libero mercato hanno sostenuto per quasi due secoli, che una risorsa scarsa disoccupata è disoccupata perché il proprietario l'ha prezzata al di sopra del mercato.

Una risorsa scarsa, per definizione, è una risorsa per la quale esiste una maggiore domanda rispetto all'offerta a costo zero. Se l'offerta è in grado di soddisfare la domanda a costo zero, allora la risorsa non è scarsa. E' come l'aria.

E' possibile che l'offerta sia in grado di soddisfare la domanda nel mercato di una regione geografica, ma non in un'altra. In questo caso, questa non è una risorsa libera. Si tratta di una risorsa che non viene utilizzata in una regione, ma se il trasporto ed altri costi di spostamento da una regione all'altra sono inferiori rispetto al prezzo in una regione lontana, un imprenditore ha un'opportunità di profitto. Può comprare a poco (zero) in un luogo, pagare per spostarla in un altro luogo, e vendere ad un prezzo alto.

Questa analisi si basa sulla logica dell'azione umana. Gli uomini cercano di migliorare la loro situazione. Se gli investitori percepiscono un modo di trarre vantaggio da una mancanza di percezione di altre persone sul fatto che esiste una certo differenziale di prezzo, alcuni investitori potranno e vorranno comprare a poco e vendere a molto. Il differenziale di prezzo scomparirà. Questo perché l'ignoranza che ha creato la differenza di prezzo scompare.

Il processo è universale. Ci possono essere costi sociali connessi a determinate operazioni, come la repulsione morale per una particolare attività, ma questo non viola la legge generale dei mercati. La repulsione morale aggiunge un costo alla transazione. Ciò riduce il numero di persone che sono disposte a comprare a poco e vendere a molto in un mercato specifico. Ma la logica del processo non è in alcun modo influenzata. Non è vero che "ogni uomo ha il suo prezzo." E' vero che maggiore è il prezzo che i potenziali acquirenti offrono, maggiore è il numero di venditori che sono disposti a fornire l'elemento.



"NON NEL MIO MERCATO!"

Uno dei problemi che ogni difensore della logica del libero mercato incontra alla fine è il lettore che risponde: "Quello che stai dicendo può essere vero in altri mercati, ma non è vero nel mio mercato."

Senza eccezioni, ho scoperto che la persona che fa questa critica è il destinatario di una sorta di sussidio da parte del governo. Non vuole perdere questa sovvenzione. Così, egli sostiene che la logica del libero mercato o non si applica al suo mercato, o se sì, non dovrebbe essere applicata. Il governo dovrebbe quindi fermare tutte le operazioni redditizie -- comprare a poco e vendere a molto -- con la minaccia della violenza.

Problema: il governo non può fermare l'equalizzazione del prezzo a costo zero. Il governo non è una risorsa a costo zero. Il governo deve estrarre i soldi da alcuni contribuenti, al fine di interferire con qualsiasi mercato.

Il governo può aumentare il costo di partecipazione ad un mercato. A causa dei costi di transazione crescenti, l'offerta dell'elemento controllato viene ridotta. Ma la domanda rimane. Per i liquori o le droghe o il plutonio per uso militare, vi è ancora domanda là fuori. Sarà rifornita, come dice l'economista, ad un certo prezzo.



IMMIGRAZIONE

Lasciate che vi offra un esempio. Un lettore che ha letto il mio articolo sull'analisi della disoccupazione di Bernanke ha cominciato a mandarmi una serie di email. Quella iniziale è rappresentativa.

Sono un ammiratore di lunga data del suo lavoro, così ho molto apprzzato che abbia deciso di analizzare la presentazione di Bernanke sulla Disoccupazione.

Ma sono rimasto molto deluso dal risultato. Quello che ha scritto andava anche bene, ma come può l'attuale problema della disoccupazione degli Stati Uniti essere considerato senza fare alcun riferimento ai massicci livelli attuali di immigrazione?

Lei ha giustamente incolpato Bernanke di essere solo disposto a considerare il lato della domanda nell'equazione, ma i problemi con l'offerta di lavoro a cui punta sono oscurate dal fatto che un milione o giù di lì di immigrati legali ed illegali stanno arrivando ogni anno -- una situazione che non esisteva nella Grande Depressione.

Lo scrittore vuole controlli governativi sull'immigrazione. Capisco la tesi contro l'immigrazione. Si basa su fattori quali i programmi di welfare del governo che aiutano gli immigrati: aumento delle imposte. Si basa su un'analisi del processo di naturalizzazione. Gli immigrati possono ottenere il voto, o i loro figli adulti, e quindi voteranno per altri programmi di welfare: aumento delle imposte. Inoltre, le loro culture sono diverse, e questo aumenta i costi di adeguamento per i residenti esistenti. Gli immigrati incidono sulle zone di comfort dei residenti esistenti.

La questione in esame, tuttavia, sono le assunzioni. Gli immigrati causano un aumento della disoccupazione?

Il critico è un Keynesiano. Non lo vede, perché non capisce Keynes. Mi spiego.



AGGREGATI KEYNESIANI

Keynes sosteneva, ed i suoi discepoli sostengono ancora, che la causa della disoccupazione è una domanda aggregata insufficiente. Questo è un altro modo per dire che la causa della disoccupazione è un'eccessiva offerta aggregata. Il fatto che i Keynesiani non la mettano mai in questo modo non pregiudica la verità analitica dell'argomento.

Un'analisi accurata della disoccupazione deve essere sempre discussa in termini di questi tre fattori: offerta (ad un prezzo specifico), domanda (a questo prezzo), e tempo (ad un tasso di interesse prevalente). I Keynesiani ed i non-Keynesiani concordano su questo punto. Il disaccordo nasce quando la discussione verte su questo: offerta di che cosa, domanda di che cosa, e tasso di interesse fissato da che cosa.

Il Keynesiano è metodologicamente un collettivista. Guarda gli aggregati. Raccomanda programmi governativi che interessano gli aggregati.

L'economista Austriaco è un individualista metodologico. Guarda ad una risorsa specifica offerta in un luogo specifico in un momento specifico.

Il Keynesiano incolpa una mancanza di domanda aggregata per la disoccupazione in generale. Egli si concentra sul lato della domanda. Logicamente, potrebbe concentrarsi altrettanto bene sul lato dell'offerta: il lavoro aggregato. Potrebbe facilmente chiedere programmi di governo per ridurre l'offerta di lavoro aggregata. Poteva chiedere quote di immigrazione. Il fatto che non lo faccia è dovuto alla sua preferenza per la spesa pubblica. Odia concentrarsi sui problemi dal lato dell'offerta.

L'Austriaco incolpa una mancanza di flessibilità dei prezzi, sia a causa delle restrizioni governative sui prezzi (minimi) sia per la testardaggine da parte dei partecipanti. O il venditore di beni/servizi (acquirente di denaro) è testardo, oppure l'acquirente di beni /servizi (venditore di denaro) è testardo. Uno dei partecipanti sta dicendo no all'offerta.

Ma questa non è disoccupazione. Il venditore di beni/servizi sta trattenendo qualunque cosa egli ha da vendere. Ciò si chiama domanda di riserva. Il venditore di denaro sta facendo lo stesso. Ognuno di essi è proprietario. Ognuno ha l'autorità legale di offrirsi di commerciare. Ognuno pensa che ciò che possiede ora è un affare migliore di possedere ciò che l'altra persona ha al prezzo richiesto.



LE RISORSE CONOSCIUTE SONO SEMPRE OCCUPATE

L'idea delle risorse disoccupate è concettualmente errata. Le risorse sono sempre occupate. Qualcuno le possiede. Questo era il punto che W. H. Hutt propose nel 1939 nel suo classico, The Theory of Idle Resources. Potete scaricarlo gratuitamente qui. Il commentatore anonimo su Mises.org ha esposto bene la sua tesi.

Hutt va al cuore della prescrizione di Keynes per la ripresa, che era quella di far muovere le risorse inattive, che si trattasse di denaro, capitale, o lavoro. Se qualcosa non è stato impiegato in questo momento, viene sprecato.

Hutt rispose a lungo che non c'è nulla di antieconomico o necessariamente inefficiente in una risorsa inattiva. E' decisione del proprietario trattenersi di fronte ad un piano a lungo termine, una chiamata in giudizio riguardante un rischio, un salario di riserva alto, o una domanda di saldi di cassa più grandi.

Questo è certamente vero quando parliamo di lavoro. In un'economia che cambia, le persone si spostano da un settore all'altro, scelgono periodi di disoccupazione rispetto ad un'occupazione a salari bassi. Ciò ha senso per loro. Per questo motivo, non ha senso tirare fuori politiche intese a conseguire la "piena occupazione" poiché questo significa scavalcare la scelta umana. . . .

Il contesto economico è afflitto da un'enorme disoccupazione -- la risorsa inattiva ultima. Qual è il problema? È un problema macroeconomico della domanda aggregata? Oppure si tratta di un semplice problema di prezzaggio del lavoro insieme a restrizioni legali? Hutt prende la seconda posizione, e schiaccia completamente la visione Keynesiana.

Hutt stava rispondendo alla teoria di Keynes di una domanda aggregata insufficiente. Sto rispondendo alla posizione del mio critico: un'eccessiva offerta aggregata. Sono lo stesso argomento, analiticamente parlando. I Keynesiani chiedono l'intervento del governo per controllare il comportamento aggregato. Questo si chiama macroeconomia. La macroeconomia poggia su questa proposizione: pistole e distintivi sono più affidabili di un'asta tra individui per l'uso di risorse scarse.



"ASSUMIMI!"

Per decenni, c'è stato un eccesso di offerta di lavoratori in Messico ed in altre nazioni. Questa offerta è individuale. Il lavoratore A non può convincere il datore di lavoro B ad assumerlo. Negli Stati Uniti, il datore di lavoro C è pronto ad assumere il lavoratore A con uno stipendio abbastanza basso. Ma il lavoratore A non può attraversare il confine per offrire i suoi servizi al datore di lavoro C.

Questo piace al lavoratore D negli Stati Uniti, che non vuole concorrenza per il suo lavoro. Piace anche datore di lavoro B, che ama un mercato del lavoro altamente competitivo in Messico.

Il datore di lavoro B offre salari bassi al lavoratore A, e dice: "prendere o lasciare." Il lavoratore A dice: "Lascio. Lascerò questo paese. Mi dirigerò verso gli Stati Uniti." Ma il datore di lavoro B ed il lavoratore D hanno un alleato: l'ICE (Immigration and Customs Enforcement). Il lavoratore A non può attraversare legalmente il confine e presentarsi alle porte del datore di lavoro C.

Nel frattempo, i clandestini attraversano il confine.

I Keynesiani considerano ciò come un aumento dell'offerta aggregata, ma non ne parlano, perché quello che cercano veramente è più spesa pubblica sui progetti approvati dallo stato, che escono fuori solo quando i membri del Congresso sono convinti che il vero problema è una domanda aggregata insufficiente. I Keynesiani vogliono che il Congresso richiami il mantra Keynesiano: "Tassare i ricchi, prendere in prestito dai ricchi, e fare in modo che Bernanke inflazioni." Tutto ciò che si riferisce anche minimamente all'economia supply-side è un anatema per i Keynesiani. "L'eccessiva offerta di lavoro? In teoria, sì, ma ora guardate al mio piano per un altro stimolo federale. Questa volta, lo stimolo funzionerà."

I Democratici considerano i clandestini come un modo per registrare 10,000,000 di nuovi Democratici attraverso l'amnistia. Ma anche se non c'è l'amnistia, ci saranno ancora un sacco di nascite. I Democratici dicono di volere il controllo della popolazione e la pianificazione familiare, ma non per gli immigrati clandestini. Questo è il motivo per cui Teddy Kennedy e Lyndon Johnson hanno spinto la legge sull'immigrazione del 1965. Riuscirono a vedere avanti.

I Repubblicani comprendono che i Democratici possono ottenere 10,000,000 nuovi registrati se c'è amnistia, ma otterranno anche donazioni dagli imprenditori locali che vogliono manodopera a basso costo. Così, arrivano ad un compromesso: nessuna amnistia, ma non tanti finanziamenti per l'ICE.



UN MERCATO DEL LAVORO VERAMENTE LIBERO

Se un'impresa assume un immigrato illegale -- o "lavoratore senza documenti" (come direbbe la Pelosi) -- ciò sostituirebbe un lavoratore esistente? Sì. . . ad un certo prezzo. Mai parlare di sostituzione senza le parole "ad un certo prezzo."

Il lavoratore Americano vuole un lavoro? Può abbassare il suo prezzo.

Se un lavoratore Americano rifiuta di abbassare il suo prezzo, deve trovare un modo per mettere il cibo sul tavolo. In questi giorni, ottiene parte del denaro dal governo federale: sussidio di disoccupazione. Egli trova occupazione. Ha un nuovo lavoro. Si siede su un divano e guarda la televisione. O fa riparazioni domestiche.

Potrebbe entrare nel mercato del lavoro illegale per diventare -- devo proprio dirlo -- un lavoratore senza documenti. Lavora per contanti. Non dà il suo numero di Previdenza Sociale. E non paga le tasse.

In breve, egli entra in un mercato del lavoro veramente libero.

Se volete vedere un mercato libero -- che si trova vicino all'invisibile -- date uno sguardo al mercato nero del lavoro. Non ci sono imposte sul reddito. Non ci sono tasse per la Previdenza Sociale. Non ci sono imposte per l'Assistenza Statale Medica. Non ci sono detrazioni fiscali sui salari. Niente soldi digitali. Niente Equal Opportunity Employment Commission. Niente Americans with Disabilities Act. In breve, niente Federal Register. Solo acquirenti e venditori che si incontrano per fare affari reciprocamente vantaggiosi.

Chi vince? I lavoratori. I datori di lavoro. I clienti.

Chi ci rimette? I burocrati. I membri dei Sindacati. I bigotti.

"Ma Dr. North, sta dicendo che il governo federale non dovrebbe regolare il mercato del lavoro." Esatto.

"Ma questo significa che tutti gli Americani diventerebbero l'equivalente dei lavoratori privi di documenti." Vero.

"Questo significa che si oppone ad una carta d'identità nazionale." Vero.

"Anche se si chiama Carta per il Lavoro Solo agli Americani." Sì.

"Suppongo che lei si opporrebbe ai chip RFID impiantati negli immigrati presso i valichi di frontiera." Corretto.

"Suppongo che lei si opporrebbe ai chip RFID impiantati nei neonati degli stranieri alla nascita." Sì.

"Ma Dr. North, se questa fosse veramente una società libera, il governo non potrebbe rintracciare gli immigrati senza spendere molti più soldi." Sì, il modo in cui non poteva rintracciare gli stranieri prima del 1914. Non esistevano i passaporti allora.

"Ma come potrebbe proteggerci il governo degli Stati Uniti dai terroristi?" Non fornendo motivi agli stranieri di terrorizzarci.

"Ma questo significherebbe che nessun funzionario governativo potrebbe fermare qualcuno per strada e dire, 'Documenti, prego.'" Vero.

"Che tipo di governo sarebbe?" Limitato.



CONCLUSIONE

Gli Stati Uniti avevano immigrazione libera fino al 1924. Ebbero inoltre il più rapido aumento nella crescita economica.

Il peggior tasso di disoccupazione nella storia fu del 1929-39. Ciò diede i natali al Keynesismo. Perché ci fu disoccupazione? Restrizioni di cambio. Manomissione del denaro. Intervento del governo.

I libri di storia non collegano mai la chiusura dell'immigrazione in tutto l'Occidente con la Grande Depressione. Possono dare la colpa alla tariffa Smoot-Hawley del 1930, che limitava l'importazione di beni. Non discutono mai della legge sull'immigrazione del 1924, che limitava l'importazione dei beni più produttivi di tutti: gli esseri umani.

C'è una cura per le risorse disoccupate: burocrati disoccupati. I Keynesiani non lo accettano. La maggior parte dei conservatori non lo accetta.

La fonte delle risorse disoccupate non sono le frontiere aperte. La fonte è il mercato chiuso.

Sette parole per superare la disoccupazione: "Facciamo un affare ad un certo prezzo."

Questa analisi affronta solo il problema della disoccupazione. La questione della cittadinanza è diversa. Ho scritto sulla cittadinanza qui.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


2 commenti:

  1. in un'ottica proprietarista il discorso di North perde di senso ed Hoppe torna in ballo.

    Daouda

    RispondiElimina
  2. Forse perché secondo l'ottica di Gary North il governo (non uno stato) si ritaglierebbe ancora un ruolo all'interno della società. Infatti, secondo il suo criterio, esso servirebbe principalmente a due scopi: 1. garantire l'adempimento dei contratti; 2. garantire la proprietà privata.

    Un ritorno al XIX secolo tanto per essere sintetici (ovviamente, non tecnologicamente parlando).

    Hoppe invece non crede ci sia posto per un governo all'interno di una società e presenta la sua tesi per un'organizzazione totalmente priva di poteri centrali.

    Una cosa è certa entrambi sono a favore di una riduzione e cancellazione del potere statale all'interno della società. Poi non sappiamo quale visione potrebbe prevalere arrivati a quel punto, ma entrambe sono strade percorribili ed auspicabili.

    RispondiElimina

ShareThis