venerdì 16 settembre 2011

Montessori, Pace e Libertarismo #1

La scuola di stato, ben lo sappiamo, produce guasti enormi nel cervello degli individui in termini di disinformazione e di incapacità a ragionare in maniera critica e logica. Questi guasti uno se li porta dietro per anni a meno che non abbia il tempo e la voglia di compiere, in maniera autonoma, un percorso di disalienazione e di disintossicazione. Trovate tutti i dettagli dei potenziali danni che la scuola di stato produce nelle gioveni menti di coloro che si apprestano ad abbeverarsi alla sua fonte, digitando nella ricerca del blog "Taylor Gatto". Quest'oggi invece è davvero con orgoglio che presento questo breve saggio sulla figura di Maria Montessori, come modello di istruzione, pace ed anche libertarismo. Inoltre, è un modello "italiano" e qualche volta essere presi come esempio non guasta mai, anche perché per tutte le volte che siamo stati considerati lo zimbello del mondo c'è bisogno di risollevare il morale.

[Parte 1 di 4.]
_____________________________________


di Stephan Kinsella


Tra i libertari e gli Austriaci c'è un'intenso interesse sull'argomento del come istruire i bambini. Ovviamente siamo tutti contrari all'idea della scuola del governo. Ciò ha condotto molti libertari ad abbandonare tali scuole a favore di scuole private o dell'home-schooling, o perfino dell'apparente vecchio approccio "dell'unschooling".

Uno degli approcci meno tradizionali all'istruzione è quello capeggiato da Maria Montessori (1870-1952), con il cosidetto Metodo Montessori. Molti libertari potrebbero aver sentito paralre di questo approccio perché Ayn Rand ne aveva una buona opinione.

Mio figlio è stato alla Post Oak School sin da quando aveva 18 mesi ed ora si trova alla seconda elementare.

Data l'eccezionalità della Montessori, spesso mi vengono chieste delucidazioni su di lei, da libertari ed altri. Non posso affermare di essere un esperto, ma qui sotto condividerò alcuni miei pensieri sulla Montessori e sugli aspetti connessi all'educazione dei figli.



Accreditamento. Non c'è apparentemente nessun marchio della Montessori, ovvero nessuna scuola che possa essere considerata seguace del metodo "Montessori". Alcune sono ufficialmente riconosciute dall'Association Montessori Internationale. Queste sono le cosiddette scuole AMI; la Post Oak, per esempio, è una delle uniche tre scuole AMI nella vasta area di Houston. Alcune scuole Montessori negli Stati Uniti sono anche riconosciute dall'American Montessori Society (AMS).

La storia della divisione tra AMI ed AMS è un pò contorta. Apparentemente, dopo che la Montessori si stabilì a Roma nel 1907, ci fu nel 1917 un intenso interesse in America per il suo approccio educazionale. Tuttavia la pubblicazione nel 1914 dell'opuscolo The Montessori System Examined da parte di William Heard Kilpatrick, democratico socialista e seguace di John Dewey, raffreddò in America l'interesse per la Montessori per decenni. Sin da allora però molti dei suoi argomenti furono confutati, ma solo dopo che il suo opuscolo oscurò la Montessori. La Montessori rimase popolare in altre parti del mondo, ma in America tendeva ad essere dimenticata, con una piccola presenza dell'AMI. Nel frattempo l'americana Nancy McCormick Rambusch venne a conoscenza dell'approccio Montessori in Europa e finì col fondare l'AMS. Ciò condusse ad una predominanza dell'AMS negli Stati Uniti, ma ci fu anche una resurrezione dell'AMI nei decenni successivi.

Là fuori ci sono abbastanza scuole non riconosciute dal metodo Montessori. Qualsiasi genitore interessato dovrebbe assicurarsi che la scuola sia riconosciuta o dell'AMI o dell'AMS.

Conosco molti libertari oggi che preferiscono l'homeschooling, ma diversamente da certi libertari di sinistra "localisti" credo nella divisione e nella specializzazione del lavoro, quindi penso che una scuola possa essere superiore all'homeschooling. Oggi il fallimento delle scuole di governo ed anche di molte scuole private (influenzate dal governo) ha reso l'home-schooling un'opzione migliore per alcuni, cosa che rappresenta un triste commento sullo stato delle moderne e tradizionali scuole del governo. Se le mamme inesperte possono fare un lavoro migliore rispetto alla maggior parte dei governi e delle scuole tradizionali – e pare proprio che riescano a farlo – allora c'è qualcosa di sbagliato con l'istruzione mainstream. Nell'attuale schema dellle cose, il mio punto di vista è che la soluzione migliore è una buona scuola privata AMI o AMS; seguita dall'homeschooling e/o privato (e per coloro che preferiscono l'homeschooling, l'approccio Montessori può ancora essere impiegato). Sono tutte scuole, parlando in generale, migliori di quelle del governo. C'è un'altra filosofia chiamata "unschooling", ma trovo che sia in un certo senso arretrato, ma in molti casi anche questo è probabilmente superiore alla scuola del governo.



Focus sul Bambino. Maria Montessori iniziò il suo lavoro all'inizio del 1900 con bambini con handicap mentali. Scoprì che poteva "normalizzarli" fornendo loro l'ambiente appropriato ("Normalizzazione" è un altro termine idiosincratico della Montessori che si riferisce all'idea che se viene dato un giusto ambiente, è "normale" per tutti i bambini essere in grado di cambiare dalla "condizione ordinaria di disordine, distrazione e attaccamento alla fantasia ad uno stato di perfetta attenzione, mostrando tale atteggiamento all'esterno come auto-disciplina spontanea, indipendenza, amore dell'ordine e completa armonia e pace con gli altri nella situazione sociale"). Immaginate cosa potrebbe essere fatto con ragazzini non disabili! Dal costante monitoraggio ed approfondito modo di pensare, sviluppò teorie su come far crescere i bambini e quale tipo di ambiente avessero bisogno attraverso il quale avrebbero potuto prosperare e raggiungere il loro pieno potenziale, passando per vari stadi. Come scrisse la Montessori:

Il bambino non può crescere se non ha gli strumenti intorno a lui che gli permettono di agire. Fino ad ora, si credeva che il più efficiente modo di insegnare fosse quando la conoscenza era passata direttamente al bambino dai suoi insegnanti. Ma è l'ambiente il migliore insegnante. Il bambino ha bisogno di strumenti per agire; sono come nutrimento per il suo spirito. [Educazione e Pace, 57]


Infine, da ciò scaturì un ampio assortimento di materiale accuratamente basato sulla visione che gli umani in crescita sono estremamente tattili. Questa è la ragione per cui è difficile ricreare questo metodo in un ambiente di homeschooling – la maggior parte dei genitori non può permettersi a casa le risorse e l'ambiente fornito alla scuola Montessori (ma, come notato sopra, può essere ancora impiegato nell'homeschooling). Questa è la divisione del lavoro. Ma questo non vuol dire che l'ambiente domestico non sia importante: sin dall'inizio la tecnica Montessori sottolinea il ruolo complementare dei genitori e della scuola per far maturare il pieno potenziale del bambino.

In agigunta, la Montessori vede i ragazzini come individui con pieni diritti e status umani. Sì, si trovano in uno stadio diverso della crescita, ma li dobbiamo trattare con dignità e rispetto. Testimone è l'esempio del sushi di sopra. Ciò si rispecchia nelle tecniche di "disciplina positiva" che le scuole della Montessori promuovono. Si manifesta anche in come vengono trattati i bambini piccoli: viene dato loro un ruolo nella scuola, nella famiglia – aiutare a preparare la tavola, pulire la tavola e così via, entro le loro capacità. Sono stato cresciuto con il pensiero che la sculacciata fosse normale; se si comprende che i bambini crescono naturalmente allora se di solito fanno qualcosa che "richiede una sculacciata" questo è segno che il genitore ha fallito nel preparare l'educazione o l'ambiente per il bambino, o è stato disattento ai suoi bisogni in questo stadio della crescita (buone risorse includono Redirecting Children's Behavior e Parenting With Love and Logic).

Non dirò che sono d'accordo con ogni particolare parte della filosofia della Montessori, poiché è ancora una scienza giovane e in sviluppo. Ma quello che apprezzo è il suo focalizzarsi sulla prospettiva del bambino – l'umano che cresce. La domanda che pongono gli insegnati – ed i genitori sono incoraggiati a porre – è: cos'è appropriato per il bambino? Quindi le scuole usano accessori a misura di bambino per il suo ambiente. Forniscono strumenti che può afferrare e manipolare. I bagni sono a misura di bambino. Gli scaffali dei libri sono bassi quasi a toccare terra, così i bambini possono accedere al materiale con indipendenza (e rimetterlo a posto). Quando i genitori arrivano in classe per un incontro con gli insegnanti, si siedono su una mobilia a metà grandezza, sembrano dei giganti. Poiché la stanza è progettata per i bambini.


Piani di Sviluppo. La ricerca empirica della Montessori la condusse a credere che gli umani crescono secondo quattro "piani di sviluppo" esennali, ognuno con la sua particolare caratteristica d'apprendimento; per ognuno è progettato un ambiente specifico. Secondo questo punto di vista, gli umani raggiungono la piena maturità all'incirca a 24 anni. Ogni piano di sviluppo ha i suoi stadi di crescita, i primi tre anni di uno stadio (un sotto-stadio) servono principalmente per l'acquisizione della conoscenza ed il secondo sotto-stadio triennale serve per affinare la conoscenza acquisita in quello stadio.


Fonte: Montessori 101 Presentation, Whitby School


Fonte: The Montessori Way, di Tim Seldin & Paul Epstein


Una ricerca recente ha scoperto alcuni sostegni scientifici per questa visione della crescita umana e per l'efficacia dell'approccio istruttivo della Montessori. Come prova aneddotica, come riporta il blog del WSJ, l'approccio della Montessori produce molti membri della "elite creativa", inclusi "i fondatori di Google Larry Page and Sergei Brin, Jeff Bezos di Amazon, il pioniere dei videogame Will Wright ed il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, senza menzionare Julia Child ed il rapper Sean "P. Diddy" Combs. Come viene fatto notare dal sito della Post Oak: "Un numero spropositato di questi laureati sono degli innovatori, esploratori, iconoclasti. La lista include premi Nobel, leader mondiali, imprenditori di successo e persone ordinarie – tutti i viventi con i doni dell'auto-coscienza e della motivazione interna che sono il retaggio di ogni studente della Montessori." E non dimentichiamo questo grande video fatto in casa, I’m in Love with Friedrich Hayek di Dorian Electra, diplomatasi da poco alla School of the Woods, una scuola AMS qui a Houston.





[*] traduzione di Francesco Simoncelli


(I). Link alla Seconda Parte

(II). Link alla Terza Parte

(III). Link alla Quarta Parte


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis