mercoledì 22 ottobre 2014

E' necessario un riavvio dei mercati





di Alasdair Macleod


Le recenti evidenze puntano sempre di più verso una contrazione economica globale.

Diverse aree della zona euro sono in grande difficoltà, e solo lo scorso fine settimana l'agenzia di rating S&P ha avvertito che la Grecia "nei prossimi quindici mesi" non potrà più tenere fede ai suoi impegni. Il Giappone sta crollando sotto la distruzione di ricchezza dell'Abenomics. La Cina sta perdendo l'equilibrio a causa di una bolla del debito che minaccia di implodere. Gli Stati Uniti tengono a dirci che le statistiche del loro governo prevedono uno scenario promettente, ma la realtà è molto diversa, con un terzo degli adulti in età da lavoro senza occupazione; inoltre il deflatore del PIL è significativamente maggiore rispetto a quanto ufficialmente ammesso. E il Regno Unito è enormemente esposto alla leva finanziaria ed estremamente dipendente da un'Eurozona alla deriva.

Ciò non dovrebbe sorprendere, perché l'inflazione monetaria degli ultimi anni ha trasferito la ricchezza dalla maggioranza della popolazione risparmiatrice e lavoratrice ad una minoranza finanziaria. Alla maggior parte delle persone a salario fisso che cerca di guadagnarsi da vivere onestamente, è stata imposta una tassa invisibile attraverso l'inflazione monetaria. E' stata sotto-stimata nelle statistiche sui prezzi al consumo, ma si è verificata comunque. Sei anni di questo trasferimento di ricchezza potrebbero aver arricchito Wall Street, ma hanno anche impoverito Main Street.

Il mondo sviluppato è in gravi difficoltà finanziarie. Questa è una situazione il cui epilogo presenterà un conto davvero salato. I responsabili della politica monetaria sanno che l'espansione monetaria non è riuscita a stimolare la ripresa. Sanno anche che la loro gestione dei mercati finanziari, sempre con l'obiettivo di promuovere la fiducia, li ha lasciati con distorsioni nei mercati che ora minacciano di far deragliare obbligazioni, azioni e derivati​​.

Oggi la più grande preoccupazione della banca centrale è il calo dei prezzi. I primi segni ci sono già, con un dollaro in rafforzamento e un calo dei prezzi delle materie prime e dell'energia. In una contrazione economica l'esposizione a valute estere è il rischio primario che devono affrontare imprese e investitori internazionali. Il sistema finanziario mondiale è basato sul dollaro come valuta di riserva per tutte le altre: è l'opzione principale in un quadro di esposizione internazionale. Il guaio è che la leva finanziaria tra le valute estere e il dollaro USA è cresciuta a livelli altamente pericolosi, come illustrato di seguito.




Chiaramente c'è ampio spazio per l'instabilità monetaria, aggravata da mercati obbligazionari fuori misura. La Grecia, di fronte ad un altro default, ha un decennale che rende circa al 6.5%, mentre la Spagna e l'Italia hanno un decennale che rende rispettivamente al 2.1% e al 2.3%. Gli investitori che accettano questi rendimenti bassi, dovrebbero chiedersi quale sarà il costo marginale di finanziare un forte aumento dei disavanzi pubblici.

Un crollo, ovviamente, aumenterebbe il rischio per i possessori di titoli di stato. I principali possessori di debito pubblico sono le banche, i cui rapporti tra immobilizzaioni e patrimonio netto può arrivare fino a 40-50 volte escluso l'avviamento, in particolare quando viene anche presa in considerazione l'esposizione ai derivati. La cruda realtà è che le banche rischiano di fallire non a causa della teoria del debito-deflazione di Irving Fisher, ma perché sono esposte ad una bolla del debito pubblico che alla fine scoppierà: può essere sufficiente un aumento del due per cento nei rendimenti obbligazionari della zona euro per innescare un crisi bancaria globale. I crediti inesigibili per il fallimento delle imprese e il calo dei valori delle garanzie nei prestiti, rappresenterà semplicemente un onere aggiuntivo.



Prezzi

I macro-economisti fanno coincidere un crollo con la deflazione, ma abbiamo di fronte qualcosa di molto più complesso che vale la pena di capire.

La debolezza della moderna macro-economia è che non si basa su una teoria dei prezzi credibile. Invece di un rapporto meccanico tra variazioni nella quantità di moneta e nei prezzi, il potere d'acquisto di una moneta fiat dipende principalmente dalla fiducia dei suoi utilizzatori. Ciò viene espresso con la preferenza per il denaro rispetto ai beni, e queste preferenze possono cambiare per qualsiasi ragione.

Quando un individuo indebitato non riesce ad accedere a ulteriore credito, può essere costretto a fare cassa vendendo asset e riducendo i consumi. In un'economia normale, ci sono sempre alcune persone che agiscono in questo modo, ma quando sono in minoranza rispetto agli altri che invece sono in una posizione più felice, nel complesso l'economia progredisce. Un crollo si verifica quando coloro che hanno bisogno o vogliono ridurre i loro impegni finanziari diventano più numerosi di quelli che non ne hanno bisogno. In questo frangente sorge un cambiamento globale nelle preferenze a favore dei contanti, così, a parità di condizioni, i prezzi scendono.

Le variazioni in queste preferenze sono quasi sempre il risultato di un intervento dello stato, il quale sostituisce la casualità di un libero mercato con una polarizzazione del comportamento. Ma questo è solo uno dei fattori che impostano i rapporti tra i prezzi: deve essere anche presa in considerazione la fiducia nel potere d'acquisto della moneta emessa dallo stato, e questa cosa sarà in cima ai pensieri di coloro che non sono in difficoltà finanziarie. Ciò si riflette nei mercati che reagiscono, tra le altre cose, alle prospettive di cambiamento nelle finanze del governo. Se abbastanza persone credono che le finanze del governo si deterioreranno significativamente nel futuro prossimo, ci sarà una corsa contro la moneta (di solito a favore del dollaro su cui si basano tutte le altre valute). E quei possessori di dollari consapevoli del crescente rischio del potere d'acquisto futuro del dollaro, potranno solo rivolgere lo sguardo all'oro e successivamente a quei beni che rappresentano le necessità della vita. E quando ciò accadrà, assisteremo ad un crack-up boom e alla distruzione finale del dollaro come moneta.

Quindi l'idea che ci sarà o deflazione o inflazione non è corretta, e tradisce un'analisi superficiale fondata sulle idee sbagliate della macro-economia. Né una condurrà all'altra: ciò che accadrà realmente riguarderà la preferenza globale tra denaro e beni, influenzata non solo dagli eventi attuali ma anche da quelli previsti.



Oro

Di recente un dollaro in aumento ha portato ad un calo dei prezzi dell'oro. Ciò solleva la questione se un ulteriore rafforzamento del dollaro rispetto alle altre valute continuerà a indebolire il prezzo dell'oro.

Supponiamo che le banche centrali nel prossimo futuro cerchino di prevenire una crisi finanziaria innescata da un crollo economico. La loro risposta naturale sarebbe quella di espandere moneta e credito. Tuttavia questa politica sarà preclusa per le altre valute già indebolite da una fuga verso il dollaro, lasciandoci con il grosso della reflazione monetaria del mondo.

Con queste premesse per il prezzo dell'oro, è probabile che gli asiatici nei loro mercati continueranno ad accumulare oro fisico, forse accelerando i loro acquisti in modo da riflettere un rinnovato scetticismo nei confronti della valuta locale. Anche i ricchi investitori in Europa compreranno oro, in parte attraverso le bullion bank, ma al margine è probabile che aumenti la domanda di consegna fisica. Gli investment manager e gli hedge fund in Nord America chiuderanno probabilmente le loro posizioni short sull'oro e andranno long quando i loro computer (i quali sono implicati nella maggior parte delle negoziazioni) rileveranno un cambiamento di trend.

Tale trend sui mercati dei capitali occidentali rappresenterà una componente di un riavvio di tutti i mercati finanziari, perché segnalerà un cambiamento nella percezione del rischio per obbligazioni e valute. La crescente consapevolezza che le grandi economie stanno tutte per scivolare in una crisi, ci conferma che questo riavvio ha mosso un importante passo in avanti.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


martedì 21 ottobre 2014

Il Fondo Monetario Internazionale, i diritti speciali di prelievo e il dollaro





di Gary North


I DSP sono una moneta falsa emessa dal Fondo Monetario Internazionale.

Furono inventati nel 1969, il primo anno dell'amministrazione Nixon. Fu una misura tampone per salvare il sistema valutario a tasso di cambio fisso, che nacque nel 1946 quando venne implementato il sistema di Bretton Woods.

Un tasso di cambio fisso è un controllo dei prezzi imposto dallo stato sui prezzi delle valute. Non può sopravvivere. Nessun sistema di controllo dei prezzi riesce a sopravvivere. Questo è il nocciolo della questione. Quando pensate ai "tassi di cambio fissi", pensate al "controllo dei prezzi".

Infatti i controlli non funzionarono bene. Ci furono svalutazioni. Ma erano sempre operazioni lampo -- negate dai funzionari governativi fino all'effettiva svalutazione.



BRETTON WOODS

Quando pensate a Bretton Woods, pensate ad un sistema burocratico partorito dalla mente di Rube Goldberg. Venne sviluppato principalmente da un agente comunista nel Tesoro, Harry Dexter White. Questa connessione sovietica è stata negata dai liberal per oltre 60 anni, ma il libro di un economista del Council on Foreign Relations, Benn Steil, ha risolto il problema. Ecco la recensione del libro. Nell'aprile 2013 la rivista del CFR, Foreign Affairs, ha pubblicato un articolo dell'autore del libro. Si intitola "Red White".

White pensava che il capitalismo sarebbe crollato entro un decennio. Pensava che l'URSS sarebbe diventata una potenza economica dominante. Il FMI era il modo di White per facilitare la transizione. Pensava che sarebbe fallito, e lo disse. L'amministrazione Truman ignorò quindi il FMI. Steil ha scritto:

Il Dipartimento di Stato di Truman mise fuori servizio il Fondo, respingendo quelle ipotesi che anche White aveva sottoscritto in precedenza: che la cooperazione sovietica sarebbe continuata anche nel dopoguerra; che il collasso economico della Germania poteva essere gestito tranquillamente, e anzi con profitto; che l'impero britannico poteva essere smantellato pacificamente; e che i crediti a breve termine del FMI sarebbero stati sufficienti a ristabilire il commercio globale. Queste ipotesi si basavano su "idee sbagliate dello stato in cui si trovava mondo", come fece notare Dean Acheson, Segretario di Stato sotto Truman, "sia per quanto riguardava l'anticipazione delle condizioni del dopoguerra, sia per quanto riguardava la loro consistenza quando le abbiamo dovute affrontare.... Abbiamo compreso con una certa lentezza che l'intera struttura del mondo e l'ordine che avevamo ereditato dal XIX secolo erano finiti, e che la lotta per sostituirli sarebbe stata diretta da due centri di potere opposti ed ideologicamente inconciliabili."

In breve, il FMI era giustamente considerato come una burocrazia inutile. E ancora oggi dovrebbe essere considerato così.

L'accordo di Bretton Woods era un'estensione del gold exchange standard, il quale rappresentava una sostituzione burocratica del gold coin standard. Quest'ultimo scomparve nell'autunno del 1914, quando i governi europei rubarono tutto l'oro dei depositanti nelle banche commerciali di ogni nazione. Poi la banca centrale di ogni stato inflazionò l'offerta di moneta per contribuire a sostenere la guerra: tassazione mediante l'inflazione.

Il gold exchange standard vide la luce in occasione della Conferenza di Genova nel 1922. Il sistema si basava su questo asssunto: la convertibilità in oro delle due valute principali. Due nazioni stavano dietro a questo progetto: la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Fu un accordo tra governo e governo. La Gran Bretagna andò in default nel 1931. Uscì dal gold coin standard: 1925-1931. Gli Stati Uniti andarono in default nei primi mesi del 1934: ci volevano $35 per un'oncia d'oro, non più $20. Derubò i governi del mondo. Aveva già fregato il popolo americano, il cui oro era stato confiscato l'aprile precedente: l'Ordine Esecutivo 6102 di Roosevelt.

Nel 1969 il governo degli Stati Uniti stava per fregare di nuovo i governi del mondo -- alla grande anche. Avevano comprato IOU del Tesoro USA sull'ipotesi che avrebbero potuto redimere l'oro a $35 l'oncia in qualsiasi momento. Il 15 agosto del 1971, Nixon chiuse unilateralmente la finestra dell'oro. Il resto del mondo ora possedeva IOU del Tesoro USA che non erano più coperti da oro.

Lo stesso ancora oggi.



I DSP

Nel 1969 il sistema a tasso fisso stava crollando. La svalutazione della Gran Bretagna nel novembre 1967 fu una cosa grossa. C'era troppa inflazione monetaria in Gran Bretagna. I prezzi stavano aumentando. Il tasso di cambio fisso non poteva contenerli. La Gran Bretagna era a corto di dollari per sostenere il valore internazionale della sterlina. Infine, il governo si rassegnò alla svalutazione.

Successivamente arrivò il turno degli Stati Uniti.

Lyndon Johnson stava combattendo due guerre, che in seguito avrebbe perso: la guerra in Vietnam e la guerra alla povertà. Nel 1964 abbassò il tax rate sui redditi marginali dal 99% al 70%. Si rifiutò di aumentare le tasse. Il suo detto era popolare: "Guns and butter". Nel 1969 c'era inflazione dei prezzi. Ci fu anche una corsa all'oro del governo federale, perché i governi stranieri chiedevano di essere pagati, cosa che potevano fare sotto Bretton Woods. La Francia fu il "colpevole" principale. Il Tesoro degli Stati Uniti stava sperimentando la classica corsa agli sportelli.

Ecco che cosa fece il Fondo Monetario Internazionale, secondo Wikipedia. Creò una nuova non-moneta fiat, i DSP.

I diritti speciali di prelievo (DSP; Special Drawing Rights, SDR) sono asset di riserva definiti ed emessi dal Fondo Monetario Internazionale (FMI). I DSP non sono una valuta vera e propria. Rappresentano invece un diritto sulle varie monete dai paesi membri del FMI, per le quali possono essere scambiati. Possono essere scambiati solo per Euro, yen giapponesi, sterline o dollari americani. I DSP rappresentano nell'effettivo un potenziale diritto di acquisire una o più delle valute detenute nelle riserve ufficiali dei Paesi membri. Mentre sembra che abbiano un ruolo molto più importante da svolgere o, forse, lo avranno in futuro, essere l'unità di conto del FMI è stata a lungo la funzione principale dei DSP.

I DSP possono sostituire una valuta importante? No.

I diritti speciali di prelievo furono creati dal FMI nel 1969 e, nel quadro del sistema di Bretton Woods a tassi di cambio fissi, erano un asset in rappresentanza di riserve in valuta estera. 1 DSP fu inizialmente definito come 1 USD, pari a 0.888671 g di oro. Dopo il crollo di quel sistema nei primi anni '70, i DSP assunsero un ruolo molto meno importante. Essere l'unità di conto del FMI rappresentò il loro scopo primario sin dal 1972.

Il FMI stesso definisce "insignificante" il ruolo attuale dei DSP. E' improbabile che i paesi sviluppati, che detengono il maggior numero di DSP, li usino per un qualsiasi scopo. Gli unici utilizzatori effettivi dei DSP possono essere quei paesi in via di sviluppo che li considerano come "una linea di credito a buon mercato".

Uno dei motivi per cui i DSP non ricoprono il ruolo di asset di riserva, è che devono essere scambiati in una valuta prima dell'uso. Ciò è dovuto in parte al fatto che i soggetti privati non possono detenere DSP: sono solo utilizzati e detenuti dai Paesi membri del FMI, il FMI stesso e pochi organismi autorizzati a farlo. Ai DSP sono precluse quelle funzioni di base che caratterizzano una normale valuta di riserva, come l'intervento nei mercati, fornire liquidità e conservare la competitività delle esportazioni con tassi di cambio favorevoli. Questo fatto ha portato l'FMI ad etichettare i DSP come "asset di riserva imperfetti".

Un altro motivo per cui sono poco utilizzati è la loro scarsa abbondanza. A partire dal gennaio 2011, i DSP rappresentavano meno del 4% delle riserve valutarie mondiali. Per funzionare bene, un asset di riserva deve avere sufficiente liquidità, ma i DSP, a causa del loro piccolo numero, vengono percepiti come un asset illiquido. Il FMI afferma: "Espandere il volume dei DSP ufficiali è un prerequisito fondamentale affinché possano giocare un ruolo più significativo come asset di riserva alternativi".

Quindi i DSP non sono una moneta. Non sono mai stati destinati ad esserlo. Sono asset che possono essere scambiati dalle banche centrali per una delle quattro valute principali. Sono un ripiego temporaneo utilizzato dai governi per ritardare il giorno della resa dei conti: il loro rifiuto di fornire una manciata di valute estere su richiesta. Rallentano la "corsa agli sportelli" nei confronti delle tesorerie nazionali, ma non per molto.

I DSP sono legati al dollaro. "A causa dei tassi di cambio fluttuanti, il valore relativo di ciascuna valuta varia continuamente e questo vale anche per il valore dei DSP. Il FMI ​​fissa il valore di un DSP in termini del dollaro USA."

Richard Cooper, un economista che ha insegnato a Harvard e a Yale, è stato un consulente di alto livello per 50 anni. È membro del Council on Foreign Relations, la Commissione Trilaterale e l'Aspen Strategy Group. E' una persona con le conoscenze giuste. In un discorso del maggio scorso in onore del 70° anniversario di Bretton Woods, ha detto questo:

Cito questo contesto per indicare che sono stato un sostenitore dei DSP fin dall'inizio e di un loro ruolo più significativo nel sistema monetario internazionale. Mi considero uno dei tanti nonni dei DSP e ho sentimenti nostalgici nei loro confronti. Se avessi una bacchetta magica, vorrei trasformare tutte le riserve ufficiali di valuta estera e l'oro, al di là dei saldi operativi, in DSP. Vorrei anche ampliare la capacità del Fondo Monetario Internazionale di emettere DSP, impegnandosi in emissioni regolari ed irregolari -- qualora ce ne fosse bisogno. . . .

Come ho detto in precedenza, preferirei un sistema monetario internazionale basato sui DSP, ma non abbiamo la bacchetta magica. E' una condizione che dovrebbero negoziare i governi, e le trattative -- consci degli sforzi passati per negoziare cambiamenti nel sistema monetario internazionale -- sarebbero difficili e probabilmente controverse. I guadagni derivanti dal passaggio ad un sistema basato sui DSP supererebbero i costi, date le molte altre questioni all'ordine del giorno nella negoziazione internazionale -- cambiamenti climatici, non proliferazione, regolamenti finanziari internazionali, il futuro del sistema commerciale, per citarne solo quattro -- e la limitata capacità dei leader di gestire molti problemi di alto livello? Io non conosco la risposta, ma il solo porsi la domanda solleva qualche dubbio.

Nel 1974 sentii un suo discorso alla Committee on Monetary Research and Education. Predisse che, entro il 2010, ci sarebbe stato un nuovo ordine monetario internazionale. Adesso è più vecchio. Solo adesso è lungimirante.



CONCLUSIONE

Ci sono alcune persone che pensano che i DSP del FMI sostituiranno il dollaro statunitense. Vi suggerisco di ignorare tali speculazioni. Un giorno qualcosa sostituirà il dollaro. Non saranno i DSP.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


lunedì 20 ottobre 2014

Nonostante il disastro imminente, la FED non è disposta a smettere di stampare denaro

Sono convinto che non vedremo un netto aumento dei tassi di interesse a breve. Infine ci sarà un'impennata dei tassi di interesse, ma questa avverrà una volta che le banche centrali perderanno il controllo. Al giorno d'oggi questo esito diviene sempre più incipiente a causa del panorama distorto che hanno creato con l'utilizzo di politiche non convenzionali sconsiderate. Privilegiando alcuni settori con finanziamenti a tassi ridicoli, ciò ha generato un'ondata di speculazione selvaggia su tutti quei titoli che potessero avere un rendimento decente. Questo significa operazioni off-budget da parte delle banche commerciali che scambiando titoli spazzatura con titoli decenti, li hanno ipotecati per ottenere un ritorno tale da mettere in buona luce i loro bilanci. E' questa la prosperità paventata dai banchieri centrali? I tassi di interesse aumenteranno non perché "lo deciderà" la banca centrale, ma perché il mercato imporrà il suo volere a seguito di una saturazione di errori economici. Bastano solo alcune margin call, le corse agli sportelli bancari nel mondo di oggi. A questo punto le carte verranno scoperte: le banche centrali sono insolventi. I fondamentali di mercato sono distorti e con essi un chiaro mark-to-market degli asset di cui la FED, ad esempio, si è ingozzata: T-bond a lunga maturazione. La FED continua a pungolare le banche commerciali affinché concedano credito e tornino a fidarsi delle altre banche commerciali, aspettandosi un tasso di inflazione non superiore al 3% ed aspettative inflazionistiche contenute. Credono di tirare la coda ad un gatto, la stanno tirando invece ad una tigre.
___________________________________________________________________________________


di David Stockman


Non c'è ragione al mondo che possa spiegare la frivolezza del mercato azionario. In ogni singola regione del pianeta, sta vacillando il ciclo espansionistico post-crisi alimentato dalla banca centrale.

L'economia giapponese è soltanto un pelo più grande di 5 trimestri fa (0.8%), prima che l'Abenomics arroventasse la stampante monetaria della Banca del Giappone. Nel frattempo, anche se i salari reali in Giappone sono precipitati ai minimi odierni, il bilancio della BoJ ha ormai raggiunto il 55% del suo PIL — un rapporto che solo un decennio fa sarebbe stato inimmaginabile.

Nonostante la spacconata del "whatever it takes" di Mario Draghi, l'unica cosa che è avvenuta in una Europa perennemente recessione è stata una breve corsa precipitosa verso il debito periferico. E ciò in base alla flebile presupposizione che il debito emesso da casi disperati come l'Italia e la Spagna può solo salire, perché Mario potrebbe acquistarlo da un momento all'altro. Presto sarà evidente che l'economia dell'area Euro non ha tratto beneficio dalla magia monetaria di Mario, e che gli hedge fund possono scaricare i loro bond tanto velocemente quanto li hanno accatastati.

E la politica schizoide dei compagni di Pechino non ha bisogno di ulteriori elaborazioni. La gigantesca torre di debito cinese da $25 bilioni è ben lungi dall'essere ripagata, soprattutto perché ci sono persone che credono al motto di Mao secondo cui il potere deriva dalla canna di una pistola e che la prosperità di Wall Street deriva dalla stampante monetaria.

Ed ora Wall Street sta guardando con nervosismo i numeri del PIL USA del secondo trimestre e le loro prospettive per il resto dell'anno. Quello che doveva essere un 3%+ l'anno, si sta trasformando nel più basso tasso di crescita del PIL — circa l'1.5% nella migliore delle ipotesi — sin dal 2009.

Ed anche ciò dipende dal credere che il deflatore del PIL del Dipartimento del Commercio stia marciando ad un tasso annuo dell'1.4%. Non c'è possibilità che tutto ciò sia vero per le famiglie che consumano energia, cibo, assistenza sanitaria, trasporti e servizi educativi, e non iPad.

Con il ciclo espansionistico globale che vacilla, i rapporti di redditività ai massimi storici ed i multipli PE alle stelle — quasi 20 volte i guadagni dell'S&P 500 — c'è solo una cosa che resta da fare ai robot di Wall Street.

Vale a dire: comprare al prossimo ribasso; perché la FED si è ritrovata un nuovo sceriffo a Jackson Hole. Dopo 6 anni di abbassamento artificiale dei tassi del mercato monetario, Janet Yellen intravede ancora un'economia gravata dalla "fiacchezza", e pertanto sarà incline a consegnare denaro quasi gratis nelle mani dei giocatori d'azzardo di Wall Street.

La classica retorica keynesiana della vasca da bagno, ma il Wall Street Journal ha inquadrato un punto di vista abbastanza convincente sulle espressioni della Yellen. Sembra che dopo un'espansione del bilancio da $3.5 bilioni, l'economia americana non abbia ancora raggiunto i parametri di rendimento — soprattutto nel mercato del lavoro — che sono emersi durante l'ultimo ciclo di espansione 2002-2007 alimentato dalla banca centrale:

Si dice che probabilmente evidenzierà come le misure alternative del mercato del lavoro falliscano nel valutare l'attuale sottoutilizzazione delle risorse umane (ad esempio, la durata del rapporto di lavoro, licenziamenti nei dati JOLTS), le quali devono ancora normalizzarsi rispetto ai livelli del 2002-2007.

Questo è davvero un insulto! La falsa prosperità che la FED ha scatenato attraverso la bolla immobiliare di Greenspan, è stata la causa della spiralizzazione della crisi finanziaria del 2008 e della successiva recessione. Allora perché diavolo la FED dovrebbe spingere la sua campagna di stampa monetaria fino ai limiti della sanità mentale per replicare il suo ultimo disastro?

La risposta non è difficile da trovare. La Yellen non riesce a capire che l'economia statunitense è in stallo perché ha raggiunto una condizione di saturazione del debito. Infatti, il punto di riferimento 2002-2007 preferito dalla Yellen è stato alimentato da una fase trentennale di leveraged buyout nazionale.

Tra il 2002-2007 il debito nei mercati del credito — pubblici e privati — è salito della somma incredibile di $21 bilioni, mentre il PIL nominale è cresciuto solo di $3.5 bilioni. E questa situazione non è altro che la rappresentazione fallimentare della formula brevettata della FED: debito a basso costo alimentato dall'espansione dei consumi interni e dal PIL nominale.

Sin dall'inizio della crisi, infatti, la FED ha spinto massicciamente sulla nota del credito, ma quasi l'intero flusso di liquidità non ha mai lasciato i canyon di Wall Street. Invece è stato parcheggiato nelle riserve in eccesso presso la FED di New York, dopo aver attraversato i mercati monetari ed appianato il costo del carry trade allo zero per cento.

Il casinò sta vivendo un altro momento rialzista perché si aspetta che il nuovo sceriffo monetario continui a dare fiches ai giocatori di poker.

Saluti,


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


venerdì 17 ottobre 2014

Il Grande Default: Un evento economicamente inevitabile





di Francesco Simoncelli


Nelle ultime settimane la Francia ha fatto la voce grossa all'interno dell'Unione Europea, puntando i piedi contro le continue rimostranze tedesche nei confronti di quei Paesi che rifiutano di allineare le proprie politiche a quelle di una sana condotta fiscale. Troppo tardi. La Francia ha fatto sapere al mondo di non essere più disposta a sottostare alle direttive tedesche, ascrivendo il proprio nome a quello dei PIIGS. Il domino europeo continua ad essere teatro di tasselli vacillanti. Quello della Francia è uno importante. Non può cadere. Non verrà lasciato cadere. In realtà, nessuno verrà lasciato cadere.

Gli stati europei sono arrivanti ad un punto in cui non possono più estrarre ulteriore ricchezza dai propri cittadini attraverso la tassazione diretta. Ci sono rimostranze. Ci sono polemiche. Il coro è unanime: "Diminuire le tasse". Lo stato non può chiedere di più al proprio bancomat (i contribuenti), pena la completa dissoluzione della classe produttrice interna. E' possibile ancora spostare il carico fiscale da un settore ad un altro per dare modo a quelli più deboli di riprendersi leggermente per poi tornare a predarlo. Ma questa strategia è arrivata al limite, poiché l'ambiente economico stesso è saturo di errori e distorsioni da non permettere più una sana allocazione delle risorse secondo i desideri di coloro i quali possono generare una sana ripresa economica: gli attori di mercato. Non è possibile studiare a tavolino un piano attraverso il quale riuscire a creare artificialmente una ripresa dell'economia. Ciò che è necessario ora, secondo il panorama economico, ovvero, le scelte degli individui, è una riallocazione delle risorse precedentemente allocate in modo errato. Stanno dicendo forte e chiaro che c'è bisogno di una recessione. Questo, a sua volta, significa tassi di interesse più alti. E' economicamente inevitabile.

Visto che ai governi nazionali è preclusa l'opzione di un ulteriore aumento delle tasse, l'unica cosa che resta da fare è affondare il colpo nella sfera dei deficit nazionali. Questo significa prendere in prestito più denaro per sostenere allocazioni di risorse non in accordo con i desideri degli individui. Questo significa privare delle risorse reali attività che invece avrebbero soddisfatto le esigenze più urgenti degli individui. Questo significa erodere con noncuranza il bacino dei risparmi reali. Perché noncuranza? Perché nell'attuale sistema a denaro fiat è possibile stampare qualsiasi ammontare di denaro di cui i settori privilegiati hanno bisogno, in modo da soddisfare le loro necessità contabili. L'urgenza di un salvataggio di quelle economie europee che ancora languono in uno stato comatoso è diventato impellente con l'attuale volontà della BCE di attuare a tutti gli effetti un quantitative easing; attraverso le banche commerciali vengono "riciclati" la maggior parte dei titoli di stato, ma questo include anche istituti di credito esteri. Questi ultimi non possono essere influenzati dalla stampante nazionale, la quale può solo avere effetto entro i confini di una certa valuta nazionale. Questo significa che una volta che i governi nazionali si ritroveranno a dover affrontare le conseguenze delle loro azioni fiscali sconsiderate, i primi a pagarne il prezzo saranno coloro che avranno creduto alle promesse di un manipolo di burocrati di ruolo. In questo momento tutti i governi del mondo hanno applicato trucchi contabili per nascondere sotto il tappeto la mole di investimenti improduttivi accumulati sino ad ora. E' enorme. Sono rappresentati dalle cosiddette passività non finanziate, le quali sono essenzialmente conteggiate come debito off-budget. Quando qualcuno fa una qualche domanda su questo argomento la risposta è la seguente: "Circolare! Non c'è niente da guardare qui!" Ma stanno crescendo. E' economicamente inevitabile, data la natura della pianificazione centrale.

Questo significa che non sarà possibile tagliare in alcun modo la spesa pubblica. Essa garantisce il consenso allo stato. Nel corso del tempo sono state fatte promesse su promesse che adesso devono essere mantenute il più a lungo possibile, pena la rivolta politica. Il welfare state ha dato assuefazione, ora i cittadini ne richiedono di più. Più indennità di disoccupazione, più assistenza, più sostegno alla famiglia. Rifiutarsi è politicamente inaccettabile.


Spesa totale del governo italiano. Fonte dati: AMECO


Sebbene la tassazione potrà vedere una lieve contrazione nel prossimo futuro, ciò non accadrà per la spesa pubblica la quale continuerà a salire andando ad appesantire un fardello di debito pubblico altamente gravoso. Gli elettori impediranno che possa calare, ne chiederanno di più. La cultura del welfare state ha permeato le loro menti. Negli anni del boom economico artificiale (1999-2010) è stato fatto credere che fosse possibile accontentare qualsiasi desiderio a costo zero. I politici ci hanno creduto. Gli elettori ci hanno creduto. I banchieri centrali ci hanno creduto. Si sbagliavano. Ciò non ha fatto altro che far germogliare i semi dell'auto-distruzione insita nella stessa pianificazione centrale. In preda, ora, ad un price discovery soffocato e a segnali di mercato sconnessi, il panorama economico è guidato dai capricci di una cerchia ristretta di individui che crede sia possibile indirizzare l'economia dove loro vogliono che vada. E' economicamente impossibile. Ludwig von Mises ci spiegò il perché in Planned Chaos: ogni intervento sul mercato ne porta ad un altro fino ad un controllo pianificato totale dell'economia in questione, schema che è destinato a farla deragliare in ultima istanza.

Quello sarà il giorno in cui il bancomat dello stato segnerà queste parole: "Conto in rosso". Questa realtà rappresenterà un duro colpo per tutti coloro che hanno scommesso la loro fortuna sulle contorte ricette di un manipolo di burocrati e hanno messo la propria vita nelle loro mani. Questo è semplicemente un grande schema di Ponzi che risucchierà quanti più individui potrà prima di collassare sui propri limiti. Ogni schema di Ponzi crolla, è economicamente inevitabile. Ogni schema di Ponzi porta con sé un grado di sofferenza elevato, è psicologicamente inevitabile. Coloro che si rendono conto di questa realtà prendono le adeguate contromisure e si chiamano fuori. Cercano anche di suggerire agli altri di tirarsene fuori, ma sono troppo impegnati nello schema di Ponzi. Hanno creduto a tutte le promesse dei burocrati di ruolo. Si aspettano che venga consegnata loro la luna. Rimarranno delusi, solo un pugno di mosche li attende.

I burocrati di ruolo, dal loro canto, credono di aver evitato il peggio. Credono ingenuamente di aver schivato il proiettile fatale. Credono ormai alle loro stesse menzogne: "consegneremo la luna". Alla fine tutti gli ideatori degli schemi di Ponzi vengono catturati, perché essi stessi si impegnano e finiscono per rimanere abbagliati dalle loro stesse menzogne. Credono di poterlo far durare ancora un altro po'. Il keynesismo è l'illusione principale attraverso la quale i pianificatori centrali spacciano le loro promesse. Ogni volta che vengono disattese le sue teorie, alza la posta in palio: se i deficit finora implementati non hanno fatto superare la recessione, allora deficit più grandi faranno superare la recessione. E' per questo che viene propagandato il mito della domanda aggregata, permettendo quindi allo stato di poter spendere qualunque cifra voglia teorizzando che anche i singoli individui agiscano allo stesso modo. E' per questo motivo che la teoria keynesiana ha dovuto ribaltare la legge di Say: http://johnnycloaca.blogspot.it/2014/02/il-biglietto-di-sola-andata-per-la.html

In questo modo si ignorano le fasi iniziali della creazione di capitale, affermando che la domanda degli individui sia in grado di gestire la produzione di una nazione. E' ovvio che in questo modo vengono bypassati concetti fondamentali: http://johnnycloaca.blogspot.it/2012/10/la-teoria-austriaca-del-capitale-perche.html

La scienza economica è incorporata in una scienza di grado superiore: la prasseologia. L'economista, attraverso deduzioni logiche in base a dei principi apodittici, è in grado di arrivare a determinate conclusioni. Facciamo, quindi, un esempio. Immaginiamo un'isola deserta in cui si schianta un velivolo. L'unico superstite è un individuo che ora deve cavarsela da solo per sopravvivere. Il suo primo pensiero è il cibo che ora dovrà ingegnare a procurarsi senza l'aiuto di altri individui. Di conseguenza si reca alla spiaggia e all'inizio deve limitarsi a pescare il pesce a mani nude. In questo caso la produttività sarà molto bassa, perché il fattore di produzione (le mani) per pescare il pesce (bene di consumo) è davvero limitante perché qualsiasi imprevisto può intaccare la sua produzione di pesce. Che fare? Sarebbe sicuramente d'aiuto uno strumento che possa facilitargli il compito della pesca, ma ovviamente questo processo richiede tempo affinché possa essere completato. Quindi il nostro naufrago deve rinunciare a qualcosa affinché possa costruire il suo strumento, questo significa che affronterà il costo di opportunità di continuare a mangiare una quantità limitata di pesce al giorno a fronte di imprevisti che potrebbero inficiare seriamente la sua attività e la sua vita, oppure dedicare parte del suo tempo a costruire uno strumento che possa migliorare la sua capacità di pesca rinunciando, però, a mangiare per qualche giorno.

Sebbene i gorgoglii dello stomaco siano rumorosi, il nostro naufrago ha una preferenza temporale bassa e quindi decide di iniziare la costruzione di un retino da pesca. Ovviamente, non sarà un'impresa facile, perché ci sarà bisogno di tempo per ottimizzare il prodotto finale e fare in modo che non si rompa al primo uso. Una volta riuscito a raggiungere il proprio risultato, il nostro naufrago è capace di pescare una quantità superiore di pesce rispetto a prima, e ora può anche restare alcuni giorni senza pescare poiché l'abbondanza di pesce gli conferisce la possibilità di avere del tempo libero (cosa che prima non poteva permettersi). In questo modo, a seguito di una riserva di pesce, può dedicarsi ad altri lavori come ad esempio costruire una pala per arare il terreno e coltivare un orto. Questo ciclo di crescita rappresenta una processo che, attraverso un ritardo del consumo, permette l'accumulo di capitale il quale può essere utilizzato per far prosperare la società.




Al di là di questo esempio semplicistico, è la stessa cosa che accade nella nostra economia. E quando lo stato si inserisce a gamba tesa in questo processo, lo fa la spezzando la catena virtuosa che fino a quel momento aveva portato prosperità alla società. Negli ultimi dieci anni in Italia, infatti, l'interferenza della pianificazione centrale ha fatto sentire il suo peso predominante: prima attraverso uno spreco di risorse mediante l'alimentazione di investimenti improduttivi (boom immobiliare), poi, dopo aver realizzato l'insostenibilità di tali investimenti, ha continuato a depletare il bacino dei risparmi reali con una tassazione diretta. Il risparmio reale è andato via via diminuendo a causa della chiusura di varie atttività impossibilitate a sopravvivere in un ambiente pesantemente tassato e burocratizzato, mentre ad altre è stata negata la nascita. Di conseguenza, anche il risparmio delle singole famiglie è diminuito per far fronte a questa situazione.


Tasso di risparmio italiano. Fonte dati: AMECO


Mentre il tessuto economico si è sfilacciato progressivamente, la retorica del calcio al barattolo è stata la politica principale adottata dalle banche centrali e dai governi nazionali, uniti in un intreccio di mutuo soccorso per spostare il dolore delle loro precedenti politiche sulle spalle della popolazione. In questo modo si è potuto riempire i titoli dei giornali della stampa mainstream, veicolando la falsa atmosfera di una ripresa "debole" sostenuta dalla lungimiranza dei pianificatori centrali. Ancora una volta abbiamo assistito allo sfaldamento dei piani presumibilmente ben congeniati di coloro che dovrebbero "saperne di più", di coloro che si vantano di essere gli alfieri di un sistema "platealmente" superiore, di coloro che sfoggiano la loro retorica dall'alto delle cosiddette istituzioni che sarebbero a protezione di Main Street. L'unica cosa che hanno protetto fino ad ora sono stati i posti di comando che parassiticamente preservano in nome di un poco chiaro "bene superiore".

La maggior parte della popolazione è finita nella rete di questa rinnovata speranza di un domani migliore. La realtà è che il "domani migliore" è stato ipotecato da quelle stesse figure che oggi ci sussurrano nelle orecchie parole dolci e confortevoli: "Andrà tutto bene". E' un'illusione. L'ennesima dell'economia keynesiana sostenitrice di un'economia pianificata centralmente. Il suo credo fallirà. La sua base accademica fallirà. Il suo sostegno intellettuale fallirà. E' stata una teoria fallimentare sin dall'inizio, ma l'assuefazione delle sue promesse suadenti ha colpito inesorabilmente quelle parti della società che hanno deciso di cedere volentieri il loro futuro ad una manica di pianificatori centrali: "Dimmi che mi ami". Si sono lasciati cullare dalle promesse d'amore come farebbe un'anziana donna che cerca affetto in una figura più giovane di lei. Non funzionerà.

Finché il governo continuerà a staccare assegni, la popolazione resterà al gioco. Continuerà ad onorare la sua parte. Si conformerà a qualsiasi altra tassa approvata dall'establishment keynesiano. Continuerà a farsi raggirare dalle menzogne spacciate dalla stampa mainstream. Non c'è ripresa. Non è stato aggiustato nulla né in Europa né all'estero. La quiete che abbiamo osservato fino ad ora è frutto di una serie di avvenimenti che hanno ritardato il redde rationem, ma non per questo esso è stato schivato del tutto. Fino ad ora le banche centrali hanno incanalato i loro aiuti nel sistema finanziario per salvaguardare la salute dei TBTF, procedendo a creare carry trade artificiali in modo che potessero beneficiare dell'effetto Cantillon e di conseguenza aiutare gli stati a piazzare i loro titoli di debito: http://johnnycloaca.blogspot.com/2014/10/il-rovesciamento-della-piramide.html

Il denaro, quindi, è finito inglobato principalmente nel mercato azionario e obbligazionario, fuoriuscendo solo in minima parte da questo circolo che ha continuato a far pullulare sui giornali le lamentele dei banchieri centrali affinché quelli commerciali estendessero di nuovo prestiti all'economia più ampia. Questo finora non è accaduto, a causa della reticenza delle banche commerciali e di Main Street ancora alle prese con una recessione mancata. Ciò ha stimolato una domanda di moneta alta tra la popolazione, poiché le esigenze incipienti delle famiglie hanno portato gli individui a cercare di riformare un pool di risparmi da cui poter ripartire. Ciò sarebbe stato virtuoso dal punto di vista del ciclo economico, perché avrebbe rinvigorito la base di capitale da cui sarebbe potuta ripartire una ripresa sostenibile. Invece il costo della vita maggiorato e la pressione fiscale, hanno interrotto questo sano processo andando a reprimere ulteriormente le forze di mercato. E' questo meccanismo che finora ha smorzato l'inevitabile inflazione dei prezzi provocata dall'inflazione dell'offerta di moneta.

Ma l'offerta di moneta è stata pesantemente inflazionata. L'inflazio dei prezzi degli asset ha provocato nuova esuberanza nei mercati azionari e obbligazionari. Ci sono parecchi istituti finanziari esposti ai titoli di stato. Il loro rapporto di leva è spaventosamente alto. Sono state gonfiate molteplici bolle che infine scoppieranno. Alla prossima recessione, la razzia si spingerà ancora più oltre. Già adesso possiamo vederne alcuni presupposti. La fiducia nello stato si sgretolerà, andando ad intaccare quell'ultimo barlume di speranza riposta nell'apparato statale: "Bisogna abbassare le tasse, sebbene sia giusto pagarle." La salvezza attraverso lo stato sarà portata davanti al banco degli imputati, quello sarà il giorno in cui gli individui staccheranno la spina. Smetteranno di finanziare un apparato platealmente dedito alla loro predazione e abbracceranno la frammentazione politica: secessione.



CONCLUSIONE

Come ho ripetuto spesso su queste pagine, in Europa non è stato risolto niente. La situazione peggiorerà ulteriormente poiché non c'è volontà di permettere al mercato di purgare l'ambiente economico da quegli errori che ci hanno portato fino a questo punto. L'eurozona si è retta in piedi fino a questo punto grazie alla generosità della FED, la quale ha permesso a diverse istituti finanziari (Es. hedge fund, fondi pensione, banche commerciali) di avere accesso a finanziamenti quasi gratis con cui speculare sui mercati. I mercati hanno perso di vista i fondamentali economici. Si procede alla cieca. Ma sin dal novembre dell'anno scorso, la FED ha rallentato il suo ritmo di emissione monetaria.




Ciò non ha fatto altro che mettere pressione a quelle attività in bolla, portando al recente crollo del mercato azionario e alla decisione della FED di annullare il tapering. Al momento gli investitori si sono rifugiati nel dollaro, ma tutte le valute fiat si basano incontrovertibilmente sulla percezione di fiducia che i relativi utilizzatori conferiscono loro. Nemmeno negli Stati Uniti è stato aggiustato niente, premurandosi di affogare nella cartastraccia qualsiasi barlume di sanità monetaria, ma attualmente l'Europa è in condizioni peggiori quindi lo zio Sam pare a tutti gli effetti un porto sicuro contro la tempesta. Ciò non cambierà fino a quando anche Draghi non si deciderà a monetizzare il debito degli stati europei. L'esperimento monetario fiat, a quel punto, avrà raggiunto il suo apice, creando un ambiente in cui sempre più pezzi di carta andranno "a caccia" di sempre meno beni. Quello sarà il momento in cui la domanda di moneta calerà a favore di una circolazione arroventata delle unità monetarie, portando il processo di crack-up boom alla sua seconda fase.

L'Europa sarà la prima a capitolare, e i semi dell'autodistruzione sono stati piantati anni fa: welfare state. Sebbene siano i PIIGS quelli tenuti sott'occhio, il vero ago della bilancia è stato, è e sarà la Francia. Essa sarà il paziente zero. Cina e Russia sono alla porta, consce di come l'oro tornerà ad avere un ruolo fondamentale nel futuro prossimo. Quando l'occidente si accorgerà di aver commesso un errore ad aver lasciato che il proprio oro seguisse la via asiatica, sarà troppo tardi.


giovedì 16 ottobre 2014

Valutare l'oro e l'allevamento dei tacchini





di Alasdair Macleod


I mercati finanziari di oggi sono costruiti sulla sabbia di valute non sonanti. Di conseguenza i broker, le banche e gli investitori sposano l'inflazione monetaria e hanno perso sia il desiderio sia la capacità di comprendere l'oro e valutarlo adeguatamente.

Inoltre, gli stati e le banche centrali considerano i mercati come la più grande minaccia ad una gestione efficace dell'economia, una minaccia che deve essere domata. Questo è lo sfondo di oggi in cui si muovono i prezzo dell'oro e le decisioni degli investitori.

Al centro del controllo del mercato c'è la sostituzione della moneta sonante (storicamente l'oro) con una non sonante. Aumentare la quantità di moneta e incoraggiare le banche ad aumentare il credito dal nulla, è il mezzo principale con cui operano le banche centrali. Non importa se adulterare la moneta impoverisce la maggioranza della popolazione: le banche centrali stanno leggendo dal manuale keynesiano e monetarista su come gestire i mercati.

In questo contesto un investitore rischia tutto ciò che possiede se si ostina a combattere il sistema; e non c'è niente di più vero quando parliamo dell'oro. Il metallo giallo non rappresenta un investimento convenzionale in questo mondo di valute fiat, si tratta di un'assicurazione contro il collasso del sistema finanziario sotto il peso delle proprie illusioni. Considerato come un premio assicurativo contro tale rischio, l'oro rappresenta il buon senso; e ci sono momenti in cui vale la pena di rafforzare la propria assicurazione. Nel prendere questa decisione, un individuo deve essere in grado di valutare tre cose: la quantità di moneta rispetto all'oro, la probabilità di una crisi sistemica e il costo reale dell'assicurazione contro di essa. Dovremo considerare ciascuno di questi punti.



Il rapporto della valuta con l'oro

Non solo la quantità di valuta e credito bancario si è espansa notevolmente dopo la crisi Lehman, è chiaro che questa è una tendenza che non può essere invertita senza scatenare un caos finanziario. In altre parole, siamo già finiti in una iperinflazione monetaria. Basta guardare il grafico della quantità di dollari fiat e noterete la sua drammatica crescita dopo la crisi della Lehman nel 2008.




Nel frattempo, la quantità di stock di oro in superficie sta crescendo a meno del 2% l'anno. Giorno dopo giorno, l'oro diventa sempre più conveniente rispetto al dollaro. [Nota: la FMQ è la somma di tutto il denaro fiat creato dalla FED e dalle banche commerciali. Si veda qui per una descrizione completa.]



Aumento della probabilità di una crisi sistemica

Ponetevi una domanda: quanto dovrebbero salire i tassi di interesse prima che venga innescata una crisi sistemica? L'indizio per la risposta è illustrato nel grafico sottostante, il quale mostra come i picchi più bassi dei tassi di interesse hanno innescato recessioni successive (le aree in grigio rappresentano le recessioni ufficiali).




Il motivo è semplice: l'onere del debito sta aumentando. La somma del debito pubblico e privato ammonta a circa $30 bilioni, quindi un aumento dell'1% dei tassi di interesse e dei rendimenti obbligazionari costerà circa $300 miliardi l'anno. L'aumento dei tassi di interesse durante il boom del credito 2004-07 ha aggiunto costi annuali doppi per i tassi di interesse, sfociando l'anno successivo nella crisi della Lehman. E mentre gli Stati Uniti questa volta potrebbero forse resistere ad un aumento del 2-3%, tale cifra sarebbe sufficiente a far piombare nel caos finanziario ed economico altre economie del G8.



Il costo reale dell'assicurazione

Con questo intendiamo il prezzo reale dell'oro, aggiustato secondo la rapida espansione della moneta fiat. Un approccio è quello di aggiustare il prezzo nominale con un rapporto tra dollari in circolazione e riserve auree degli Stati Uniti. Questo pone due problemi: quale misura della massa monetaria deve essere utilizzata, e dato che la FED non è mai stata sottoposta ad una revisione contabile, ci si può fidare delle cifre riguardo le riserve auree ufficiali?

L'opzione migliore è quella di aggiustare il prezzo dell'oro usando la crescita della quantità di moneta fiat (FMQ) in rapporto alla crescita dello stock di oro in superficie. La FMQ è costruita in modo da catturare l'inversione della demonetizzazione dell'oro. Questo è mostrato nel grafico sottostante in cui viene mostrato il prezzo dell'oro aggiustato e il prezzo nominale dell'oro in dollari.




Partendo dal crollo di Lehman Brothers, il prezzo reale dell'oro (aggiustato in questo modo) sarebbe oggi di $550, sulla base di un prezzo nominale di $1220. Quindi, in termini reali, l'oro è sceso del 40% rispetto al livello pre-Lehman di $920, ed è all'incirca dimezzato dal suo picco aggiustato nel 2011.

Quindi, per riassumere:

• L'iperinflazione monetaria è già qui, definita come svilimento in accelerazione del dollaro. Del resto tutte le altre valute a cui si fa riferimento perseguono una rotta simile, una condizione che è improbabile che possa essere fermata se non da una crisi sistemica e valutaria.

• I tentativi di stabilizzare il potere d'acquisto delle valute, aumentando i tassi di interesse, condurranno molto rapidamente al caos finanziario ed economico.

• Il costo assicurativo di possedere oro è anomalmente basso, essendo molto inferiore rispetto alla crisi della Lehman (che per molte persone rappresentò il primo sentore del rischio sistemico).



Cosa sta accadendo all'economia globale?

Se l'economia comincia a crescere di nuovo, un piccolo aumento dei tassi di interesse farebbe crollare i mercati obbligazionari e manderebbe in bancarotta imprese sommerse dai debiti e banche eccessivamente esposte alla leva finanziaria. In alternativa, una contrazione dell'economia aumenterebbe il peso del debito in termini reali, minacciandone nuovamente l'implosione. Quindi l'ultima cosa a cui le banche centrali daranno il benvenuto, è un cambiamento delle prospettive economiche globali.

Il calo dei prezzi delle materie prime e una fuga dalle altre valute verso il dollaro, sembra segnalare un rischio maggiore e lo scivolamento in una crisi globale. Anche se i grandi speculatori finanziari sembrano voler abbassare i prezzi delle materie prime e dell'energia, resta il fatto che l'economia globale viene indebolita dalla ridotta accessibilità a beni e servizi. In altre parole, l'onere del debito è già troppo grande per il settore privato, nonostante un periodo prolungato di tassi di interesse a zero.

Una crisi è stata interrotta quando i prezzi sono crollati dopo il fallimento della Lehman; a quel tempo è stata la creazione di moneta illimitata da parte della FED che ha tenuto in piedi la baracca. Prevenire un crollo è la ragion d'essere dei banchieri centrali. E' il motivo per cui Ben Bernanke ha scritto di distribuire denaro da un elicottero come soluzione finale. E' per questo che abbiamo avuto tassi di interesse a zero per sei anni.

Nel 2008 i prezzi dell'oro e del petrolio scesero pesantemente, fino a quando non divenne chiaro che avrebbe prevalso lo stimolo monetario. Anche le azioni calarono, con l'indice S&P 500 giù del 60% dal suo picco nell'ottobre 2007, ma questo indice era già sceso del 24% quando Lehman fallì.

Ormai il precedente di una creazione illimitata di liquidità e credito è stato inserito nella storia dell'economia. I mercati sono sorretti da un mare di liquidità, non stanno scontando alcun problema e stanno ignorando i segnali provenienti dai prezzi delle materie prime. Se la crisi economica mostrerà ulteriore volontà di accelerare, l'aggiustamento è probabile che sarà brutale e coinvolgerà un riesame completo e improvviso del rischio finanziario.

Questa volta l'oro è in un mercato orso in previsione di questo evento. Questa volta il consenso popolare ritiene che l'assicurazione contro il rischio finanziario e sistemico sia del tutto inutile. Questa volta la Cina, la Russia e il resto dell'Asia stanno comprando i lingotti fisici liquidati dagli investitori occidentali.





Gli analisti che lavorano presso le banche di investimento ci ricordano regolarmente di vendere oro. Ma tenete a mente che il settore degli investimenti è guidato da raccomandazioni "a caccia di trend", perché questo è ciò che richiedono gli investitori. Aspettarsi che gli analisti valutino correttamente l'oro è una cosa talmente improbabile come gli agricoltori che dicono la verità ai tacchini sul Giorno del Ringraziamento.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


ShareThis